Titolo

La lite Tremonti-BS. Ipotesi fantapolitiche.

1 commento (espandi tutti)

Non serve nessun Travaglio (che poi avessi detto Gomez... Vabbé), si tratta di un normale bilancio. Se acquisto dei beni con pagamento a termine, dovro' inserire nello Stato Patrimoniale un debito (verso fonitori). Si tratta di una forma di finanziamento particolarmente vantaggiosa dal momento che tra N giorni ripaghero' al mio fornitore esattamente l'ammontare della fattura C, e non l'ammontare maggiorato di interessi C*(1+i*N/360); non a caso questo tipo di finanziamento dipende dalla forza contrattuale dell'acquirente - e lo Stato di forza contrattuale ne ha tanta, direi quasi a livelli mafiosi (ops). Quindi ha ragione Giavazzi a dire che questi importi sono già ricompresi nell'indebitamento complessivo delle Pubbliche Amministrazioni, dal momento che il bilancio si fa per competenza e non per cassa (spero di non dover spiegare la differenza!).

Il punto di Baldassarri è che il Debito Pubblico è dato dallo stock di titoli di debito in circolazione emessi dallo Stato, dal momento che è su quelli che lo Stato paga il costo del debito (per la cronaca, se io dovessi analizzare la situazione debitoria dell'emittente "Repubblica Italiana" guarderei tutto l'indebitamento e non solo lo stock di titoli emessi, ma io non sono Professore quindi let's leave the point aside). Si tratta di una differenza non solo contabile nella misura di (come scritto prima) di 500 milioni di EUR per anno; . Ora, magari 500 milioni sono pochi rispetto a 60 miliardi, ma sono non trascurabili in una situazione di bilancio come quella attuale.