Titolo

La lite Tremonti-BS. Ipotesi fantapolitiche.

9 commenti (espandi tutti)

Noto che in tutti gli articoli date sempre come scontato ed assolutamente pacifico che la Lega sia null'altro che "ciarpame" omologabile al più all' Uomo Qualunque di Giannini.

Questa posizione, a differenza dello stile scientifico sempre invocato da NfA, non viene in alcun modo motivata o giustificata.

Ora io vivo e lavoro in Veneto, frequento la Lombardia, ho clienti in tutta Italia ed opero molto (circa il 40% degli acquisti) con paesi della UE.

Ricordo che in Veneto la Lega alle ultime elezioni ha ricevuto il 28,4% dei consensi, la CDL il 29,3%, quindi in soldoni ogni 3 elettori veneti 1 ha votato Lega, 1 PDL ed 1 per tutto il resto.

La Lega ha saputo allevare in questi anni una nutrita schiera di amministratori locali, GIOVANISSIMI, efficienti, preparati, dinamici. In provincia di Treviso (oltre il 34% di voti) ha conquistato TUTTI i comuni, aveva un ottimo sindaco a S.Donà che è diventato Presidente della Provincia di Venezia, e si tratta di una donna.

Ormai manca solo il comune di Venezia ma è questione di mesi, alle elezioni di marzo 2010 è molto probabile il ricambio. Cacciari è ormai bolso, già la volta precedente si è candidato controvoglia l'ultimo giorno utile.

La Lega ha portato a Roma Luca Zaia che mi sembra stia operando bene, del sindaco Tosi a Verona non occorre nemmeno dire.

Noto invece i primi segni di una possibile dicotomia tra una Lega Lombarda (Milano-Como-Varese) ed una Lega Veneta (si ricordi sempre che qui esisteva una Liga Veneta quando ancora Bossi aveva i calzoni corti); nulla di clamoroso, dichiarazioni di assoluta fedeltà a Bossi, ma sarà interessante capire chi verrà candidato a Governatore.

Una Lega in Veneto con Governatore, la metà dei presidenti di provincia, quasi tutti i sindaci rappresenta un "pacchetto di mischia" formidabile (In Veneto il rugby è sempre andato fortissimo) che può modificare gli equilibri nazionali interni al partito.

Ma soprattutto ha formato una nuova classe dirigente giovanissima che ha portato anche a Roma (ricordo solo l'on. Bitonci) che magari adesso sta facendo apprendistato ma che si paleserà presto.

La CDL invece qui ha operato male, correnti, faide interne, solo Galan si salva, ma è troppo poco.

In sintesi mi pare che ricondurre tutta la Lega alle sole battute di Gentilini (peraltro adorato dai trevisani e tutt'altro che xenofobo o razzista) sia riduttivo.

La Caritas afferma che la provincia di Treviso è tra tutte le italiane quella che ha accolto meglio e meglio integrato gli immigrati, dando lavoro, casa, istruzione ai figli (alle elementari il tasso di stranieri ha superato in molti comuni il 30%). Non sarebbe forse il caso di monitorare meglio e magari senza paraocchi ?

 

 

Noto che in tutti gli articoli date sempre come scontato ed assolutamente pacifico che la Lega sia null'altro che "ciarpame" omologabile al più all' Uomo Qualunque di Giannini.

Questa posizione, a differenza dello stile scientifico sempre invocato da NfA, non viene in alcun modo motivata o giustificata.

Sarebbe tautologica.

Gentilini.. a me personalmente sta simpatico http://www.youtube.com/watch?v=cwtuvx-wtBo

Diciamo che vestire i clandestini da leprotti per far allenare i cacciatori, affondare le barche (senza i clandestini dentro eh!), parlare di rivoluzione, di guerra, di galli e di polli sono però idee squisitamente leghiste. Ed a quel punto.. di che discutere?

Si convengo, è davvero difficile discutere con rimasticature di cose non dette, di frasi ad effetto riportate in modo distorto, di cose ripetute per sentito dire.

Ho tentato di portare la discussione su di un piano un po' più serio, stavo per dire scientifico ma non oso tanto, mi basta civile, documentato con circostanze e numeri, cosa che NfA ha sempre fatto e per questo mi piace.

Peccato, mi sono sbagliato, però non bisogna poi lamentarsi quando idee come la secessione prendono corpo. E temo che certi argomenti risultino molto più penetrati e diffusi di quanto si pensi; giusto per dire, qui in Veneto dà molto più fastidio un romano di un rumeno!

E lo dico da triestino, diventato italiano a 10 anni, dopo aver cambiato 4 nazionalità senza essermi mai mosso da casa mia, quindi con il dolore che solo chi ha passato quelle vicende può capire.

Ma temo che il punto di non ritorno sia già stato superato.

 

Mannò, ti ripeto, alcune delle cose che dicono gli esponenti della lega sono di buon senso. 

Semplicemente credo che la LN mandi avanti esponenti troppo poco credibili nel contesto democratico, facendo un pessimo servizio ai suoi elettori.

Come potrebbe mai esser preso sul serio chi minaccia la rivolta dei Galli (a proposito.. e poi?), chi vuole introdurre i dialetti(quale in particolare?) e parla di sicurezza introducendo le ronde (anche quelle.. si vedono?!)?

E parlo da terrone, a scuola mi hanno insegnato che quelli della Lega Nord sono solo un po' stupidi e tanto razzisti (ma davvero dico, non scherzo). Cose che capitano quando si semina odio. Con il tempo comunque i fatti, come quelli di cui sopra, hanno solo rafforzato in me questa teoria.

Credo che si possa parlare di identità, federalismo e sicurezza senza necessariamente vomitare razzismo e fascismo, ignoranza e pregiudizio.

Altrimenti facessero sta rivoluzione secessionista armata e buonanotte, no?

10 anni fa erano i terroni in padania il problema. Poi i neri. Poi gli islamici. Insomma: sempre gli altri.

Cos'ha fatto di buono la lega per il nord? Non ha reso le città più sicure ne fermato i flussi migratori, non ha realizzato il federalismo. Ed allora?

PS:

E temo che certi argomenti risultino molto più penetrati e diffusi di quanto si pensi; giusto per dire, qui in Veneto dà molto più fastidio un romano di un rumeno!

è una stupidaggine ed è vera solo quando si parla di politica al bar. Nel lavoro e nei rapporti interpersonali questi "pruriti" sono stranamente inesistenti.

è davvero difficile discutere con rimasticature di cose non dette, di frasi ad effetto riportate in modo distorto, di cose ripetute per sentito dire.

Purtroppo è così.

Accanto a commenti basati su considerazioni logiche ed argomentate - e, come ogni espressione di pensiero, legittime quanto opinabili - altri interventi evidenziano schemi mentali che troppe persone non vogliono, né sono in grado di superare, vuoi per scarsa conoscenza dei fenomeni, vuoi per la necessità di far rientrare tutto in analisi preconfezionate che rimangano nel solco delle proprie convinzioni.

La Lega, nel bene e (soprattutto) nel male, è l'esemplare oggetto di tale atteggiamento, anche per proprie responsabilità legate al modo di proporsi. Se ne trova continua esemplificazione negli ambienti culturali auto-elettisi "superiori" e ne ho avuto personale e diretta esperienza anche qui in nFA, quando ho riportato il diffuso e crescente apprezzamento della cittadinanza per l'operato del sindaco Tosi, a Verona: francamente, troverei piuttosto strano che le altissime percentuali di consenso fossero imputabili solamente a supposta incapacità intellettiva o finanche ad analfabetismo dell'elettorato (quello che, per intenderci, è intelligente ed informato esclusivamente se vota per la parte politica ontologicamente infallibile).

Pur non condividendone più d'una posizione ed, anzi, avendo più volte pubblicamente criticato - anche in questa sede - talune proposte leghiste, a me non pare granché utile partire sempre dal concetto che "questi son razzisti, quindi non possono che dir castronerie", meglio se condendo il tutto con l'immancabile sarcasmo, all'unico scopo di soddisfare grandemente l'ego .....

Del resto, si tratta di un normale - benché fastidioso - comportamento della cosiddetta "intellighenzia" sinistrorsa, pedissequamente seguito anche dal gregge - di solito culturalmente meno attrezzato - che s'illude di certificare, così, la propria appartenenza ad una supposta elite.

Pollodimare (ma avete altri pseudonimi da inventarvi? :-)) molte persone mi dicono le stesse cose che tu sostieni, e non ho ragioni per non crederti/vi. Questa superiore "qualità" dell'amministrazione locale veneta della Lega mi incuriosisce e vorrei capire in cosa consiste ed in cosa si sia concretizzata. Parlo sul serio.

Ciò non toglie che i giudizi che noi diamo (soprattutto io) siano pure motivati. Essi si basano su ciò che gli esponenti della Lega dicono/fanno a livello nazionale e/o che viene reso visibile sulla stampa. Ora, okkio al pezzo, non mi dare la versione "stampa di regime, eccetera". Non credo che alcun atto intelligente della Lega (a livello nazionale e governativo) sia stato occultato. Seguo attentamente cosa fanno e dicono e tutte le volte che ne ho detto peste e corna l'ho detto a ragion veduta. Se vuoi andiamo caso per caso: richiederà tempo ma se serve lo si fa.

Quindi il mio giudizio sulla dirigenza nazionale della Lega, che è soprattutto Lombarda, rimane ed è pessimo.

Zaia, tu dici, ha "operato bene". Anche questo non mi risulta. Quando ha aperto bocca o fatto qualcosa lo ha fatto in direzione protezionista ed anti-mercato, oppure per vendere populismo un po' deleterio. COSA avrebbe fatto di approvabile e che noi abbiamo mancato di applaudire.

Ma il tema rimane interessante e vorrei capirne qualcosa. Ora vado un po' di corsa, però il tema va ripreso magari con un articolo ad hoc. Se hai info rilevante da passare, passala, anche via email.

Gentilini (peraltro adorato dai trevisani e tutt'altro che xenofobo o razzista)

Dire: "voglio eliminare tutti i bambini degli zingari" non e' razzista? Veramente? Meno male che non vivo in Italia, perche' a me queste frasi fanno ribrezzo, e cosi' ance le persone che le pronunciano per raccattare voti da persone che mi fanno ancora piu' ribrezzo. Secessione? se sono questi i personaggi che proponete alla guida, lo spero per il resto dell'Italia.

http://www.youtube.com/watch?v=bA-f9i8DYmk&feature=related

In provincia di Treviso (oltre il 34% di voti) ha conquistato TUTTI i comuni,

no, caspita, non tutti!

Parecchi piccoli (piccoli davvero, p.e. Carbonera, Loria, Maserada e soprattutto Zerobranco) si sono "salvati", vedremo come se la caveranno

 

 

Noto che in tutti gli articoli date sempre come scontato ed assolutamente pacifico che la Lega sia null'altro che "ciarpame" omologabile al più all' Uomo Qualunque di Giannini.

Questa posizione, a differenza dello stile scientifico sempre invocato da NfA, non viene in alcun modo motivata o giustificata.

Personalmente non ho mai scritto che la LN sia null'altro che "ciarpame" omologabile al più all' Uomo Qualunque di Giannini.  Per quanto mi diano fastidio giudizi complessivamente liquidatori sulla LN basati su sostanziale ignoranza e disinformazione devo comunque rilevare che alcuni esponenti della LN, fino ai massimi livelli, offrono a piene mani materiale specie verbale e a volte anche scritto che si presta ad essere utilizzato contro di loro e contro tutto il movimento.

[...] La Caritas afferma che la provincia di Treviso è tra tutte le italiane quella che ha accolto meglio e meglio integrato gli immigrati, dando lavoro, casa, istruzione ai figli (alle elementari il tasso di stranieri ha superato in molti comuni il 30%). Non sarebbe forse il caso di monitorare meglio e magari senza paraocchi?

Quanto scrivi e' gia' apparso piu' volte su nFA, vedi ad esempio: [1], [2], [3]. Oltre che riportare la tua opinione personale, che e' interessante ma alla quale si possono opporre vagoni di opinioni personali del tutto opposte, se vuoi argomentare sul tema dovresti produrre dati quantitativi o comunque indicatori quantitativi della qualita' degli amministratori leghisti.  Personalmente sono convinto che nonostante vari limiti e difetti gli amministratori locali leghisti sono di qualita' media superiore a quella degli altri partiti, ma di nuovo andrebbero prodotti indicatori attendibili per sostenerlo in maniera piu' analitica.