Titolo

2 tesi

1 commento (espandi tutti)

2 tesi

marco esposito 27/10/2009 - 09:28

Mah, che in tutto il pianeta sia in atto una espansione di tipo "hobbesiano" dello Stato mi sembra talmente auto evidente che non ne accenno nemmeno. Semplicemente lo Stato sta entrando sempre di più nei comportamenti e nella vita delle persone, ovunque.

In Italia abbiamo cominciato prima, perchè l'Italia (espressione geografica) è nata come stato centralista, sul modello francese, peggiorato dal fascismo. Non dimentichiamo che le "strutture" e l'organizzazione dello stato italiano riflette ancora il ventennio, poco o nulla è stato cambiato (solo le regioni sono "nuove").

Sulla prima tesi (siamo più informati) per quanto in parte vera non impedì lo scoppio di "scandali" , inoltre la presenza di giornalisti seri, come Indro Montanelli, era un antidoto alla "conformazione ai voleri del potere". Anzi, è da quando la politica controlla meglio l'informazione che si è allargata a dismisura, fedele al motto "al nemico non far sapere.."

Quindi delle due tesi io sposo la seconda, quella della politica come "termine", anche se l'idea è sponsorizzata da un tizio che mi piace poco la vedo come un antidoto alla pervasività della politica, da questo punto di vista temo che anche una "federalizzazione" dello Stato serva a poco, se non a rendere ancora più pervasiva la politica italiana, rendendola ancora più incisiva sulla vita delle persone.

No, mi sembra il caso di dire: due mandati e poi "fora de bals", se sei capace incidi, se sei incapace perlomeno non hai il tempo di farti corrompere. Anche se Bassolino è riuscito a far danni in due soli mandati..