Titolo

2 tesi

5 commenti (espandi tutti)

piu' grande è la domanda di personale che si occupi di occupare il creato “posto di grande responsibilita'” e con questo si decresce, per meccanismi puri e semplici di equilibrio, la qualità del personale che viene assunto.

Vero sotto l'ipotesi che - per semplificare - "i primi" ad essere assunti siano quelli "di qualità più elevata". Se così fosse, dovremmo anche plausibilmente aspettarci di trovare qualità del personale più elevata nelle posizioni più prestigiose - o, comunque, meglio remunerate, anche in senso lato.

Non vedo molta evidenza di ciò. A meno che non mi si definisca meglio di quali "qualità" stiamo parlando.

Resta da vedere se, normativamente parlando, avrebbe o meno un risultato positivo (diminuire la corruzione) ridurre in modo radicale il numero delle persone pagate dall'apparato politico, o persino la riduzione ope legis della possibile durata di un mandato (onde evitare, e.g., un ennesimo terzo mandato al governatore della Campania.) Vi è un presunto effetto di riduzione a imporre limiti nel mandato (del tipo di quello imposto a George W. Bush o R. Reagan) perché uno dei caratteri tipici della corruzione è che impone tempi lunghi per capir di chi fidarsi, a chi domandare prebende e favori, chi sia giustamente malleabile, e così via. Più rapidi cambiamenti del personale politico avrebbero, forse, una sorte positiva.

2) Assumiamo poi che questa espansione della politica, anche rispetto, che so, al periodo di tangentopoli, sia così autoevidente. E chiediamoci qual è il sistema di incentivi che genera questa situazione. Perchè è su quello che si dovrebbe agire, no? Davvero crediamo che sia una questione di durata dei mandati? Lasciamole al buon Grillo, queste trovate demagogiche. A parte che (in linea col tuo ragionamento) mandati più brevi (i) aumentano, nel tempo, il numero complessivo di persone che se li acaparrano e dunque (ii) aumentano gli incentivi a creare più posti dove piazzare chi ha il mandato in scadenza. Fenomeno che, peraltro, già avviene.

3) La corruzione impone tempi lunghi? Certo. Infatti il sistema di corruttela in cui il Paese sguazza si è perfezionato in tempi lunghissimi. Quando mr. X arriva al governo della regione Y, tutti gli interessati sanno chi è, con chi sta e quanto è come sia corruttibile/ricattabile. Anzi, direi che lo sanno ben prima che venga eletto, e sulla base di queste informazioni lo si porta avanti o meno.

Insomma, caro Palma, sei uno dei miei idoli su nFA, ma questa volta, lasciami dire, lo stile simpaticamente tortuoso e simpaticamente sconfinante nella verbosità partorisce una prima tesi abbastanza ovvia (almeno per i lettori di nFA) e una seconda abbastanza deboluccia.

A meno che non ci sia qualcosa che non colgo.

 

Mi interessano piu' le reazioni negative.

Provo a rispondere,

1. a naso, si'. Grilli o Draghi son (come mi viene ricordato) sia meglio pagati che meglio selezionati di Petroni. E scelsi appunto cariche non elettive. Per chi riguarda le cariche elettive, ho l'impressione di si' pure li', che Bersani sia selezionato prima e meglio di Vendola.

2. La domanda sui limiti (temporali di ripetizione di un mandato elettivo) e' mal posta. Mentre si puo' benissimo pensare che il numero di individui aumenti (ogni 8 anni, cambiano, quindi il totale e' piu' alto), a mio avviso cio' che di cruciale conta nella corruzione (il suo aver tempi lunghi per esser eseguita) verrebbe danneggiato da un personale cangiante spesso (questa e' almenio la mia impresione negli Stati Uniti, dopo l'amministrazioen FDR)

 

Per il rimanente delle sue osservazioni,

ג  לֹא-תַעֲשֶׂה לְךָ פֶסֶל, וְכָל-תְּמוּנָה, אֲשֶׁר בַּשָּׁמַיִם

מִמַּעַל, וַאֲשֶׁר בָּאָרֶץ מִתָּחַת--וַאֲשֶׁר בַּמַּיִם, מִתַּחַת

                                              לָאָרֶץ

 

 

 

che mi dimostro' come il server di Nfa non sia bustrofedico

1. Va da sè che Grilli e Draghi siano selezionati per assolvere a funzioni estremamente specifiche rispetto alle quali è possibile - in misura relativamente oggettiva - valutare le competenze necessarie. Non così per il politico generalista. Mentre l'esempio di Vendola vs Bersani già mi pare più opinabile. Infine, non mi pare che gente del calibro di Gasparri, Calderoli, Bondi siano proprio tra gli ultimi ad essere selezionati. Nè mi pare, realisticamente, che chi è selezionato dopo costoro possa essere troppo peggio (l'intelletto umano è limitato, il mio, poi...).

Ma non è questo il punto che mi preme di più. Torno invece sulla questione degli incentivi che determinano domanda e offerta di cariche - sul quale mi interesserebbe molto la tua opinione. A me pare che il numero di poltrone in palio non sia esogenamente modificabile. Nè che sia determinato dalla domanda degli aspiranti accomodati. Ma dal fatto che una buona schiera di questi ultimi sia vitale al mantenimento del consenso di chi sta sopra di loro.

2. Sul modello di gestione della corruzione che sta dietro il tuo discorso, dico boh. Evidentemente non ho le evidenze nè le sensazioni che hai tu. Nè so nulla dell'esempio USA a cui accenni, sul quale sicuramente avrai ragione. Continuo a pensare che se c'è un "volume" di poltrone necessario a tenere in piedi il sistema, di cui al punto 1., tale numero (magari crescente nel tempo) verrà in qualche modo creato.

Infine, ti ringrazio di avermi dato occasione di impreziosire il mio vocabolario con il termine "bustrofedico" - che già non vedo l'ora di riutilizzare! :D

L'ho cercata su google e ho trovato questo.

3 Thou shalt not make unto thee a graven image, nor any manner of likeness, of any thing that is in heaven above, or that is in the earth beneath, or that is in the water under the earth;

che nella versione cattolica fa parte del primo comandamento. Poi nella versione mnemonica, misteriosamente sparisce.

Si', in effetti e' vietato (o nelle visione biblica) e' vietato avere, farsi, idoli immagini sia di Moby Dick, che di Tweety. Meno che mai farsi un "idolo" di me.

A volte e' stupefacente il cumulo di scemenze che raccontano dei gruppi di signori in gonnella ai loro adoratori, tra quadri (per altro magnifici) di Raffaello con immagini di quasi tutto, angeli, dei, demoni, croci e satanassi. Qualcuno piu' erudito di me, dovrebbe spiegarlo ai preti, che hanno fatto un idolo delle trasfusioni di sangue di San Gennaro, but, they used to say, I digress.