Titolo

La verità sui PIL dell'Italia, la Gran Bretagna e l'Europa

7 commenti (espandi tutti)

Come curiosita', ecco una stima della sopravvalutazione/sottovalutazione di varie valute rispetto al dollaro in base a recenti dati su cambi spot e PPP, ricavata dal prospetto di un ETF:

Sembrerebbe che dopo il recente scivolone la sterlina sia ora abbastanza sottovalutata rispetto all'euro, dopo molti anni di sopravvalutazione.

Un metodo piu' semplicistico di calcolare la parita' dei prezzi d'acquisto, basato su un paniere di un solo prodotto (un Big Mac di McDonalds) fu introdotto alcuni anni fa in modo semiserio dalla rivista The Economist. Valori relativamente aggiornati sono disponibili per esempio qui; almeno qualitativamente tendono a concordare con quelli sopra elencati.

Ricordo che, per quanto strano e assurdo possa sembrare, l'indice Big Mac (dicono quelli dell'Economist) funziona benissimo, in effetti è un bene assolutamente comparabile in tutti i paesi del mondo, perchè il bene è sempre lo stesso.

Ricordo che, credo dieci annifa, quei buontemponi dell'Ecomunist, scrissero un articolo sul fatto che avessero deciso di sostituire l'indice Big Mac con l'indice Kentucky Fried Kitchen, scrivendo che KFK gli dava dei soldi per sostituire l'indice, o qualcosa del genere e ci fu una "rivolta" in seno agli accademici.

Era puro umorismo anglosassone, oltre a farsi un pò di pubblicità accademica al loro indice (ci furono professori che fecero il lavoro di dimostrare che l'indice Big Mac funzionava, a gratis).

Non so adesso (è un pò che non lo leggo (-), ma prima l'indice era in ultima pagina ad ogni settimana. Lì la "bufala" del sorpasso è evidente, come sa chiunque abbia mangiato un Big Mac in Inghilterra.

Non so quanto sia serio o accurato misurare in big macs ma una cosa e' sicura: e' encomiabile lo sforzo dell'economist di cercare di spiegare cosa vuol dire potere di acquisto comparato. Il big mac index lo rende intuitivo e quanto pare ce ne e' molto bisogno, soprattutto tra i giornalisti.

 

Un metodo piu' semplicistico di calcolare la parita' dei prezzi d'acquisto, basato su un paniere di un solo prodotto (un Big Mac di McDonalds)

qualcuno, non ricordo chi, ora come nuovo paniere ad unico prodotto globale propone la libreria Billy di Ikea. Ma mi sembra ci siano delle differenze

qualcuno, non ricordo chi, ora come nuovo paniere ad unico prodotto globale propone la libreria Billy di Ikea. Ma mi sembra ci siano delle differenze

Il vantaggio del Big Mac e' che ha componenti diversificati (carne, verdura, pane, formaggio, ketchup, manodopera, affitto del locale) e quasi tutti sono comprati localmente, riflettendo i costi locali. Infatti recentemente McDonalds ha terminato le operazioni in Islanda, dato che li' questo non e' possibile e parecchi materiali dovevano essere importati dalla Germania, rendendo i panini eccessivamente costosi, soprattutto nello stato di semi-bancarotta in cui si trova attualmente l'Islanda.

Per motivi biecamente utilitaristici, mi piacerebbe sapere se sono disponibili e dove titoli espressi in rupie indiane, bath thailandesi, dollari di Taiwan etc.

Per motivi biecamente utilitaristici, mi piacerebbe sapere se sono disponibili e dove titoli espressi in rupie indiane, bath thailandesi, dollari di Taiwan etc.

Titoli di che tipo? Azioni, obbligazioni, ETF, ETN...? E a che scopo, semplicemente informativo o ci vuoi investire?