Titolo

La verità sui PIL dell'Italia, la Gran Bretagna e l'Europa

3 commenti (espandi tutti)

ottimo, pero' solo due aggiunte di precisazione nella parte didattica:

2. Si divide il PIL nominale di ogni paese per il prezzo, nella moneta nazionale, del proprio paniere, ottenendo il numero di panieri prodotti in quel paese nell'anno base.

Il pil nominale e’ P*Q (P e Q possono essere vettori), quindi stai facendo solo P*Q/P=Q? In realta’ devi fare un passaggio in piu’. Facciamo il caso che tutti  i paesi abbiano un cambio pari a 1 (vero per i paesi area euro, ma non per gli altri) e che siano noti i prezzi relativi per i paesi che servono(quindi niete complicazioni per stime). Dal P*Q, togli P e lo sostituisci con il P che utilizzi come riferimento, cioe’ nel caso piu’ comune: i prezzi relativi degli USA; nel caso eurostat: i prezzi medi nella EU27 (chiamiamolo P27) per le diverse categorie. Ti trovi quindi con il PIL= P27*Q. Se l’Italia produce il paniere Qit, e UK produce Quk, abbiamo P27*Qit vs P27*Quk, e quindi confronti due valori di PIL con prezzi relativi uguali. Poi li converti in una valuta comune, PPS o dollari.

3. Negli anni successivi se nel paese A l'inflazione (misurata dal costo del paniere nel paese A) è del 5% mentre nel paese B è del 3% (misurata dal costo del paniere nel paese B), si riduce il PIL nominale di A (espresso nella moneta di A) del 5% e quello nominale di B del 3%. Alternativamente, che è la stessa cosa, ogni anno si calcolano separatamente i prezzi del paniere e si dividono i PIL nominali di ogni paese per i relativi prezzi. Questo permette di tenere conto delle variazioni nei poteri d'acquisto.

questa mi pare una svista: Se l’inflazione e’ del 5% il PIL nominale di A aumenta del 5%, oppure il PIL reale si reduce del 5% se il PIL nominale rimane costante. Idem per paese B.

questa mi pare una svista: Se l’inflazione e’ del 5% il PIL nominale di A aumenta del 5%, oppure il PIL reale si reduce del 5% se il PIL nominale rimane costante. Idem per paese B.

Hai letto male. Il testo indica una procedura, la procedura che "si" usa per calcolare il PIL PPP da quello nominale. Quindi, se il livello dei prezzi aumenta del 5%, per passare dal PIL nominale a quello reale (o PPP, assumendo che non vi siano stati cambi di prezzi relativi eccetera ... è ben detto che la descrizione è sommaria!!)

si riduce il PIL nominale di A (espresso nella moneta di A) del 5%

ottenendo così quello reale. Idem per B. Se poi leggi quanto segue la frase seguente, che questo sia il significato dell'operazione descritta dovrebbe essere palese.

Idem per quanto riguarda la questione dei vettori: se ho già il vettore delle quantità prodotte, sono a metà del lavoro. La procedura, come spiegato, descrive come si va dal PIL nominale a quello PPP.

Hai letto male. Il testo indica una procedura, la procedura che "si" usa per calcolare il PIL PPP da quello nominale.

allora se e' la procedura che si usa per estrapolare nel tempo il valore del cambio ppp, bene non e' una svista dell'autore...ma mia.