Titolo

La verità sui PIL dell'Italia, la Gran Bretagna e l'Europa

5 commenti (espandi tutti)

Ti faccio un esempio per cercare di spiegarmi.

Grazie, non avrei mai immaginato che le svalutazioni aiutassero l'export e quindi l'economia locale! :-)

In ultim analisi, se non ci sono variazioni nella capacita' di produzione nei de paesi, ovvero nella produttivita' dei sue paesi, non ci saranno variazioni di PIL relativo e il tasso di cambio o i prezzi o tutti e due si riaggiusteranno per riflettere, nel lungo periodo, i rapporti produttivi dei due paesei

Appunto: la tua frase contiene un "se". E quel "se" è la condizione di un evento futuro e incerto. Che in quanto tale, può accadere come non accadere. E di conseguenza determinare o meno il riaggiustamento.

Esempio: fino al 1992 il cambio Lira/Marco era a 750 lire, poi passò a 1000 lire. Le esportazioni ne beneficiarono come nell'esempio che hai fatto, ma la Lira non tornò più a quota 750.

Può darsi invece che in futuro la sterlina si riapprezzi nei confronti dell'euro. Ma chi lo sa?

Appunto: la tua frase contiene un "se". E quel "se" è la condizione di un evento futuro e incerto. Che in quanto tale, può accadere come non accadere. E di conseguenza determinare o meno il riaggiustamento.

Non credo tu abbia capito. Il se non e' la condizione di un evento futuro, e' un'assunzione che sto facendo e che credo sia autoevidente, ovvero e' un assioma. Dico che la produttivita' Italiana non e' aumentata nei confronti dell'UK, e che non e' per questo che la sterlina si sta deprezzando ma per altre cause. Se siamo d'accordo su questo, ovvero sul fatto che il "sorpasso" e' un fenomeno puramente nominale, allora tutto quello che ho detto segue.

Esempio: fino al 1992 il cambio Lira/Marco era a 750 lire, poi passò a 1000 lire. Le esportazioni ne beneficiarono come nell'esempio che hai fatto, ma la Lira non tornò più a quota 750.

Ancora non hai capito il mio discorso, probabilemnete mi spiego male. Non e' solo il cambio nominale che conta, ma anche, ovviamente, l'inflazione relativa. Se engli anni 90 l'inflazione in Italia era maggiore che in Germania e' ovvio che il cambio non torna a 750. Questo c'e' anche nel mio esempio.

Se siamo d'accordo su questo, ovvero sul fatto che il "sorpasso" e' un fenomeno puramente nominale

Siamo sempre stati d'accordo che il sorpasso è sul PIL nominale, e anche Berlusconi lo è (non che io pretenda di fare l'esegesi del suo pensiero, ma la sua dichiarazione parlava di quello).
Tuttavia il sorpasso all'indietro della Gran Bretagna, pur se nominale, non è di per sé, a mio avviso, né un fatto positivo e né un fatto irrilevante per loro, come non lo sarebbe per nessun paese.
Sono ben cosciente che la svalutazione magari li aiuterà a rilanciare l'economia, ma anch'essa, sempre a mio avviso, non è un fatto irrilevante per un paese.

Siamo sempre stati d'accordo che il sorpasso è sul PIL nominale, e anche Berlusconi lo è (non che io pretenda di fare l'esegesi del suo pensiero, ma la sua dichiarazione parlava di quello).

Berlusconi non ha specificato ne' economia nominale ne' economia reale.  In assenza di specificazione io almeno intendo che si parli di economia reale (che in termini condivisi dagli economisti e' PIL a parita' di potere di acquisto). Quindi per me almeno SB si e' espresso in maniera falsa e tendenziosa, come peraltro il politico britannico citato in passati interventi.

Berlusconi non ha specificato ne' economia nominale ne' economia reale.  In assenza di specificazione io almeno intendo che si parli di economia reale (che in termini condivisi dagli economisti e' PIL a parita' di potere di acquisto). Quindi per me almeno SB si e' espresso in maniera falsa e tendenziosa, come peraltro il politico britannico citato in passati interventi.

Il video della conferenza stampa è qui.

Le dichiarazioni sull'economia cominciano a 1:43. A 2:52 parla della Gran Bretagna, dicendo soltanto che la recessione lì è stata più dura in ragione del maggiore peso che lì ha la finanza, e che la recessione "ci ha riportati al terzo posto in europa; noi siamo già i terzi contribuenti per l'unione europea".