Titolo

La verità sui PIL dell'Italia, la Gran Bretagna e l'Europa

3 commenti (espandi tutti)

Se siamo d'accordo su questo, ovvero sul fatto che il "sorpasso" e' un fenomeno puramente nominale

Siamo sempre stati d'accordo che il sorpasso è sul PIL nominale, e anche Berlusconi lo è (non che io pretenda di fare l'esegesi del suo pensiero, ma la sua dichiarazione parlava di quello).
Tuttavia il sorpasso all'indietro della Gran Bretagna, pur se nominale, non è di per sé, a mio avviso, né un fatto positivo e né un fatto irrilevante per loro, come non lo sarebbe per nessun paese.
Sono ben cosciente che la svalutazione magari li aiuterà a rilanciare l'economia, ma anch'essa, sempre a mio avviso, non è un fatto irrilevante per un paese.

Siamo sempre stati d'accordo che il sorpasso è sul PIL nominale, e anche Berlusconi lo è (non che io pretenda di fare l'esegesi del suo pensiero, ma la sua dichiarazione parlava di quello).

Berlusconi non ha specificato ne' economia nominale ne' economia reale.  In assenza di specificazione io almeno intendo che si parli di economia reale (che in termini condivisi dagli economisti e' PIL a parita' di potere di acquisto). Quindi per me almeno SB si e' espresso in maniera falsa e tendenziosa, come peraltro il politico britannico citato in passati interventi.

Berlusconi non ha specificato ne' economia nominale ne' economia reale.  In assenza di specificazione io almeno intendo che si parli di economia reale (che in termini condivisi dagli economisti e' PIL a parita' di potere di acquisto). Quindi per me almeno SB si e' espresso in maniera falsa e tendenziosa, come peraltro il politico britannico citato in passati interventi.

Il video della conferenza stampa è qui.

Le dichiarazioni sull'economia cominciano a 1:43. A 2:52 parla della Gran Bretagna, dicendo soltanto che la recessione lì è stata più dura in ragione del maggiore peso che lì ha la finanza, e che la recessione "ci ha riportati al terzo posto in europa; noi siamo già i terzi contribuenti per l'unione europea".