Titolo

Nella cucina della ricerca sull’ambiente

2 commenti (espandi tutti)

Non so se quelli del CRU abbiano effettivamente fatto ricorso a trucchi, nel qual caso molto ma molto male.

Pero' è anche un trucco dialettico da due soldi quello di chi dice: "analizzando i dati paleoclimatici, non abbiamo la prova provata che l'attuale fase di riscaldamento della Terra abbia cause antropiche".

Il punto è che con ogni probabilità la "prova provata" ce l'avremo quando sara decisamente troppo tardi per poter fare qualcosa. Il sistema clima ha una considerevole inerzia termica, i ritardi tra cause ed effetti sono in larga misura ignoti e comunque difficilmente quantificabili, i meccanismi specifici che governano i cicli climatici sono estremamte complessi, ma una cosa è certa: elevati livelli di CO2 atmosferica sono sempre, dico sempre correlati a temperature elevate durante tutta la storia della Terra. I detrattori del riscaldamento globale somigliano sempre di più a coloro che sostenevano negli anni '60 e '70 che mancava la "prova provata" che il fumo di sigaretta fosse la prima causa del cancro ai polmoni.

Quindi quelli del CRU potranno anche avere sbagliato, ma se continuiamo ad aumentare la CO2 atmosferica ci sono pochi dubbi sul come andrà a finire, se mai il dubbio è sul quando.

 

 

ma una cosa è certa: elevati livelli di CO2 atmosferica sono sempre, dico sempre correlati a temperature elevate durante tutta la storia della Terra.

Scusate se non riporto fonti precise ma riferisco cio' che la mia memoria ricorda.
In rete avevo trovato più di un sito che spiegava che la correlazione tra temperatura e CO2 non era posta temporalmente in modo concomitante ma che il picco della temperatura precedeva in qualche modo quello della CO2. Come se eventualmente fosse l'aumento di temperatura a produrre più CO2 e non viceversa. Ricordo poi che un altro aspetto della polemica riguarda il contributo di CO2 come gas serra. Determinante, secondo gli "hockeisti" e ridotto rispetto ad altri gas serra, secondo altri.

Secondo i fautori della tesi del riscaldamento globale (oggi termine abbandonato a favore di "cambiamento climatico") CO2 è il principale gas serra mentre per gli altri (ed anche per me) è il vapore acqueo. In questo caso la causa puo' essere il sole, che riscalda l'acqua degli oceani, ad innescare un effetto serra. Il sole ha i suoi cicli ed inoltre abbiamo vari fenomeni di tipo astronomico che influiscono sulla qualità di irradiazione solare nel corso del tempo e sono responsabili dei periodo freddi e caldi che il nostro pianeta vive ciclicamente.

Quando anni fa provai ad esaminare i dati di temperatura che i vari enti governativi americani rilasciano gratuitamente sui loro siti istituzionali, trovai che la temperatura dell'emisfero SUD stava aumentando ad una velocità superiore rispetto al Nord. Questo era palesemente in contrasto con una causa antropica. Ragionando a posteriori, questo aumento maggiore al SUD è spiegabile con un aumento di vapore acqueo, dovuto ad una maggiore attività solare. Infatti basta una rapida occhiata ad un mappamondo per rendersi conto che nell'emisfero SUD esiste un rapporto tra terre emerse e superifice marina ben diverso da quello del Nord. Sempre a SUD poi fu individuato il famoso "buco dell'Ozono", anche qui in contrasto con tesi antropiche. Dove vivono i 6 miliardi e mezzo di abitanti?

Siccome non mi piace dribblare le fonti, contribuisco con questo interessante documento di Roberto Vacca sull'effetto serra.

Francesco