Titolo

Nella cucina della ricerca sull’ambiente

2 commenti (espandi tutti)

Primo, ti invito a prendere le liste a supporto di questo o quello cum grano salis. A questo link, ad esempio, trovi una lista di scienziati che supporta il creazionismo in vece dell'evoluzionismo. Dovrebbe farti riflettere il fatto che alla voce "non crede in AGW" in quella lista ci siano tre nomi, contro circa qualche milione di climatologi. Considerato questo, decidi tu che importanza dare. Inoltre leggiti la premessa di quella lista, cioe' quando parla di cosa e' il consenso e da' la definzione di scientist ai fini di infilarli li':

For the purpose of this list, a scientist is a person who has published at least one peer-reviewed article during their lifetime in the broadly-construed area of natural sciences, though not necessarily in recent years nor in a field relevant to climate.

Diceva James Watson:

One could not be a successful scientist without realizing that, in contrast to the popular conception supported by newspapers and mothers of scientists, a goodly number of scientists are not only narrow-minded and dull, but also just stupid.

Edit: una cosa forse va chiarita: che ci sono argomenti sui quali i ricercatori non hanno raggiunto nessun accordo, alcuni anche molto importanti e con importanti risvolti politici ed economici ma sono dettagli rispetto alla teoria di AGW. E' normale che ci siano, cosi' funziona la scienza.

 

Giorgio sto solo cercando di farmi un'idea visto che sull'argomento non sono ferrato. Sono rimasto pero' abbastanza colpito dalle mail che girano, quella in corso mi pare piu' guerra di religione che dibattito scientifico. Quanto alle tue spiegazioni:

(1) Scienziati creazionisti: irrilevante. Tra l'altro non mi sembra che i nomi citati su wiki siano tutti dei poveri dementi, né che la lista abbia pretese di esaustività. Credo che per ragioni di sinteticità abbiano preso i più rappresentativi.

(2) Citazione di J. Watson: non vedo perché si dovrebbe applicare solo agli scienziati del campo "scettico" (che poi mi sembra DAVVERO da guerra di religione dividere il campo in scettici e "favorevoli"; non posso credere che nel campo "favorevole" condividano tutti le stesse idee su model specification, functional form, data significativity, relevant hypothesis e tutto quello su cui di solito si discute quando si fa ricerca non sperimentale; idem con patate per il campo "scettico").