Titolo

Nella cucina della ricerca sull’ambiente

1 commento (espandi tutti)

non sono uno scienziato, non ho dati da discutere o teorie da confermare. semplicemente, guardo un mappamondo.

e vedo uno sferoide di circa 9000 km di raggio, che si suppone composto di metallo e rocce fuse in lento raffreddamento, la cui superficie non sommersa è abitata parzialmente per uno "spessore" di 3 km circa da esseri viventi che emettono o producono altrimenti CO2, cui si aggiungono altri 10 km circa di aria respirabile. il tutto riscaldato da una stufa posta a distanza conveniente, non regolabile e soggetta a cicli suoi propri.

e allora, mi chiedo: è più facile che la variazione di alcuni decimali di °C negli anni SULLA SUPERFICIE sia causata: da variazioni di temperatura della stufa, da variazioni di temperatura della massa che ci sta sotto i piedi (della quale, occorre ricordare, conosciamo i primi 4, 5 km? rispetto ai restanti 8995?), oppure dalle attività del film organico appiccicato su un quarto scarso della superficie?

e ancora, tenendo conto dell'inerzia termica differente di acqua, pietra e aria, è verosimile che variazioni costanti della temperatura siano da attribuire all'elemento gassoso più che a quello liquido o solido?

non è che per aver sparato due missili fuori dall'orbita ci sentiamo poco poco un po' dei piccoli supermen???

o meglio, è troppo umiliante per la nostra υβρις pensare che il clima del pianeta possa mutare allegramente per i cavoli suoi, come ha fatto negli ultimi 4 miliardi di anni, e cercare di evitare di predire il tempo dei prossimi giorni basandosi sui dati meteorologici dell'ultimo secondo (le proporzioni, sempre le proporzioni....)?

mio padre era metrologo, e mi ha lasciato in eredità una grandissima diffidenza per le misure, specialmente se non accompagnate dal metodo usato per effettuarle e dalla tolleranza degli strumenti. pare invece che tutto il discorso sui mutamenti climatici (ma mutamenti rispetto a cosa, vien da chiedersi) sia condotto con una faciloneria impressionante, e le cause cercate sempre e solo in ambiti ristrettissimi.

o è solo un'impressione sbagliata?