Titolo

Giorgio Fidenato vs. l’INPS

5 commenti (espandi tutti)

Non capisco proprio perche' i versamenti individuali dovrebbero essere anticipati, al contrario la parita' con gli autonomi implica che i versamenti dei dipendenti dovrebbero essere corrisposti solo a fine anno, con conguaglio a maggio-giugno dell'anno successivo, come acacde per gli autonomi, con un significativo vantaggio in termini di interessi e di dilazione del pagamento fiscale.

Guarda che anche gli autonomi pagano il grosso (80%) in anticipo in base al reddito presunto, e per la mia esperienza diretta è quasi impossibile stimare in anticipo quanto tocca versare (io ho fatto una serie tipo, a memoria, 20/90/35/70 in percentuale del reddito, a fronte di variazioni annuali di fatturato del 20% circa).

Guarda che anche gli autonomi pagano il grosso (80%) in anticipo in base al reddito presunto, e per la mia esperienza diretta è quasi impossibile stimare in anticipo quanto tocca versare (io ho fatto una serie tipo, a memoria, 20/90/35/70 in percentuale del reddito, a fronte di variazioni annuali di fatturato del 20% circa).

Scusa Marcello, cosa intendi con "in anticipo"?  Intendi che gli autonomi pagano degli acconti prima di novembre- dicembre dell'anno in cui guadagnano?  Non mi risulta ma le mie conoscenze del fisco degli autonomi sono modeste, e' possibile che quanto penso valga solo per l'IRPEF e non per i contributi INPS, e forse nemmeno per l'INPS.

Intendo che se nel 2009 avessi lavorato come autonomo se non ricordo male avrei dovuto pagare (più o meno, se non sbaglio i contributi hanno scadenze diverse, ma qualitativamente non cambia molto):

  • ritenuta d'acconto del 20% su ogni fattura, ma solo se lavoro per un'azienda italiana.La trattiene direttamente il committente.
  • Iva ogni tre mesi
  • saldo 2008 (pari al 20% delle tasse e contributi 2008 che eccedono la ritenuta d'acconto) più anticipo del 40% sulle tasse 2009, per la quota eccedente le ritenute e presupponendo un reddito ugale a quello 2008.Credo ci sia anche un piccolo anticipo dei contributi.
  • altro 40% di anticipo tasse + anticipo contributi 2009 a Novembre

Faccio presente che da autonomo a Novembre non avevo ancora incassato le fatture di Settembre e non ero sicuro di lavorare altri due mesi, per cui con gli anticipi si può tranquillamente pagare oltre il 100% e dover chiedere un rimborso. Mi è successo un paio di volte per importi significativi (2/10% del mio imponibile).Come mi è successo di dovermi finanziare per pagare gli anticipi su redditi non ancora incassati (vabbè, è un po' più contorto ma ti risparmio i dettagli).

Le percentuali posso sbagliarle, per fortuna ne son fuori da un paio di anni, e per le tasse belghe 2008 non ho ancora scucito un cent.

saldo 2008 (pari al 20% delle tasse e contributi 2008 che eccedono la ritenuta d'acconto) più anticipo del 40% sulle tasse 2009, per la quota eccedente le ritenute e presupponendo un reddito ugale a quello 2008.Credo ci sia anche un piccolo anticipo dei contributi.

OK ma questo lo fai a maggio-giugno e non vedo nessun anticipo: paghi a maggio 2009 il conguaglio del 2008 e le tasse sul reddito 2009 presunto dei primi 5 mesi.  Per confronto i lavoratori dipendenti tramite sostituto di imposta pagano mese per mese, quindi in anticipo rispetto a te.

altro 40% di anticipo tasse + anticipo contributi 2009 a Novembre

Questo lo capisco meno, a me sembra che a novembre-dicembre paghi le tasse sul reddito presunto dei mesi da giugno a novembre-dicembre, quindi ancora una volta nessun anticipo, paghi invece dopo dei lavoratori dipendenti che pagano mese per mese.

In definitiva, eccettuati gli ignobili versamenti al fisco dell'IVA sulle fatture non ancora incassate, mi sembra che complessivamente i lavoratori autonomi paghino le tasse mediamente 2-4 mesi dopo i dipendenti, e senza anticipi se non per le discrepanze tra la data di incasso materiale del reddito e la data di competenza formale per il pagamento delle tasse.

 

Alberto, da autoomo non hai nessun reddito mensile, hai solo un reddito presunto annuale, soggetto alla variabilità del mercato ed all'affidabilità dei committenti, che a volte non ti pagano.Inoltre spesso hai spese ed ammortamenti da dedurre, per cui non una flessione del 20% nel fatturato da Giugno in poi può tranquillamente dimezzare il tuo reddito annuale.

Da dipendente se non ti pagano non paghi le tasse, da autonomo le paghi su quello che si presume ti pagheranno: è vero che le paghi dopo, è anche vero che sei un' impresa e non un dipendente, ed il tuo reddito non è un dato acquisito ad inizio anno.

Nei paesi civili le imprese (anche individuali) fanno i conti a fine anno e pagano a bocce ferme, in Italia spesso ti tocca pagare anticipi di redditi presunti che rimarranno tali per poi chiedere rimborsi che vengono concessi con tutta calma (circa 6 mesi quando mi è successo).Se aggiungi che queste cose ti capitano per definizione negli anni sfigati, hai il quadro della situazione.