Titolo

Giorgio Fidenato vs. l’INPS

1 commento (espandi tutti)

1. Versare l'INPS con il codice del lavoratore, codice azienda, et altro, con l'F24 telematico è la stessa identica cosa (per l'INPS e Agenzia delle Entrate) che ricevere N F24 dai singoli lavoratori, quindi la fattibilità di una cosa del genere esiste già, e non complica niente.

2. I costi per le aziende sono anche di tempi, di interfaccia con il consulente del lavoro, di cercare di capire che caspita è quella voce, perchè la paghi, che caspita sono i "contributi unificati", etc., quello che fa rabbia è che il Fisco vuole "il cocco ammunnato e bbuono" da te, ma quando è lui a dover fare qualcosa, apriti cielo... e poi ogni anno cambia qualche virgola, ma basta!

3. A luglio ho ricevuto un .pdf dal mio commercialista, con titolo: UNICO 2009. Se non ricordo male 44 pagine, in cui, come fa notare Gilberto Bonaga, c'è di tutto, ma proprio tutto, poco ci manca che mi chiedano che carta igienica uso, è questo che dà fastidio, oltre al fatto, già detto, che se io non pago per qualsiasi motivo son dolori, se hai un credito IRPEF (io ne ho uno del 1994, dovuto a un errore di calcolo..) lo devi segnalare nel testamento: forse lo vedranno i tuoi eredi.

4. Per tutto quanto sopra esposto la mia nuova azienda (che fa una cosa che nulla ha a che vedere con le altre) ha sede in Inghilterra, Londra. Quando lessi per la prima volta che la dichiarazione societaria in Inghilterra è un foglio elettronico di 2 pagine, da inviare una volta l'anno non ci volevo credere e chiesi anche ad alcuni amici che vivono a Londra, che confermarono il tutto. Qui una descrizione del paradiso, sia pure molto pro domo loro, ma abbastanza veritiera. Per i casi della vita questo sito me lo sono ritrovato anche fra i Google Ads, che direi che più conoscere i gusti semplicemente copia la cache ( e nemmeno tanto bene, direi..).