Titolo

Giorgio Fidenato vs. l’INPS

1 commento (espandi tutti)

Moltiplicazione di versamenti, moduli da compilare, rischi di commettere errori e quindi sanzioni a carico di lavoratori, molti dei quali di fatica. Tutto questo e’ nell’aggregato inefficiente, con costi aggiuntivi e relativa burocrazia senza risparmi apprezzabili, mentre attualmente il costo della soluzione piu' efficiente e' a carico di chi gia’ tiene una contabilita’ ed e' in grado di sostenerne l’onere relativo a un costo addizionale minimo. Ma al datore di lavoro questo, of course, non interessa.

(il neretto l'ho messo io)

Non è un costo addizionale minimo, forse lo sarà per una impresa con 100 dipendenti, non per una con 20. E in ogni caso è un costo addizionale, ingiusto, fossero anche 10 centesimi.
Ma il punto della questione non è il costo monetario, ma il costo in termini di responsabilità e rischio (penale)! Al punto che un artigiano con tre dipendenti non può permettersi di avere la febbre il 16 del mese se non vuole vedere le manette ai polsi.

Aumento dell’opportunita’ di evasione, che qualcuno dovra’ coprire con maggiori tasse. Rendere piu’ accessibile l’evasione rientra nella funzione obiettivo di chi?

L'idea che un sistema iniquo e complesso faciliti l'evasione fiscale mi sembra ovvio, ed auspicabile!

Versamento anticipato dell’imposta al lavoratore il giorno della paga, anziche’ tre settimane dopo all'erario come avviene attualmente.

Idea bizzarra questa. Perché mai dovrebbe essere l'impresa ad anticipare stipendi? La tassa è una responsabilità del lavoratore, sarà lui a dover pianificare la sua vita e mettere da parte quello che serve per pagare lo "Stato-socio al 65%", i lavoratori dipendenti sono forse tutti degli incapaci?

Per quanto riguarda il vantaggio informativo per il lavoratore,  lui e’ gia’ a conoscenza di quanto paga di contributi e tasse, forse bisogna evidenziarlo meglio sul suo cedolino paga?

Questa è una supposizione, per nulla verificata. Di fatto sulla busta paga il "lordo" non comprende alcuna informazione sulla parte chiamata datoriale (ma che sono sempre soldi del dipendente).