Titolo

Giorgio Fidenato vs. l’INPS

1 commento (espandi tutti)

Sinceramente io non so quanto e' il mio reddito lordo, quanto costo al mio datore di lavoro e quanto pago di tasse sul mio reddito.

 

nemmeno io, e devo ancora trovare un dipendente che lo sappia con esattezza.

Altri esempi di perversione del meccanismo del sostituto d'imposta.

1. Anni fa, come tesoriere di un'associazione no-profit, quando pagavo delle prestazioni occasionali, dovevo versare la ritenuta e fare il 770 (per fortuna solo una piccola parte). E per i collaboratori occasionali la cosa non finiva li', dato che comunque dovevano portare le carte al commercialista per capire se dovevano aggiungere tasse o farsene dare indietro (dato che nessuno ha l'aliquota marginale esattamente al 20%...). Ergo tutto tempo perso per noi.

2. Un insegnante precario tipicamente ha ogni anni almeno 2 contratti a tempo determinato con 2 scuole diverse e in mezzo un par di mesi di disoccupazione dall'inps. Dato che ognuno dei datori trattiene le tasse tenendo conto solo di quanto paga lui stesso, a fine anno l'insegnante deve comunque andare al CAF o dal commercialista per sapere quando deve pagare di conguaglio.

Detto questo, ritengo che l'abolizione del sostituto senza una sostanziale semplificazione dei meccanismo fiscali generebbe un gran casino.

La risposta corretta sarebbe proprio semplificare, mentre quella che verra' data sara', ragionando in modo "superfisso", che "non si puo' perche' i lavoratori non saprebbero..." etc. etc.