Titolo

Sanita pubblica USA: un mito da sfatare

1 commento (espandi tutti)

L'Italia è un'anomalia in Europa per la scarsa copertura da parte dello stato dell'assistenza agli anziani (da cui, il fenomeno delle badanti). Altrove (Svezia, Francia) non è così.

Confermo anche per esperienza personale che e' cosi'.  Lo Stato italiano scarica sostanzialmente le spese per gli anziani non autosufficienti e i disabili sulle famiglie: gli assegni per non autosuffienza (anche quando legata a malattie come Parkinson o Alzheimer) e per disabilita' totale sono miserabili (quello di accompagnamento e' 500 Euro al mese rispetto a spese che stimare sui 4000 Euro/mese), le case di cura sovvenzionate costano 3000 Euro/mese e ovviamente essendoci di mezzo lo Stato o meglio in questo caso le Regioni ci sono le immancabili e lente le liste di attesa.

Nel complesso la situazione italiana si puo' riassumere dicendo che esiste una "collaborazione" tra Stato e famiglie italiane scaricare il costo sulle famiglie e il lavoro sullo sfruttamente in larga scala di badanti clandestine e/o pagate in nero.  La "collaborazione" dello Stato si esplica anche consentendo immigrazione di massa senza controlli efficienti e tollerando permanenza clandestina ed economia ed economia sommersa.

Considerata la grande varianza delle spese specie in termini di anni di non autosufficienza degli anziani sarebbo corretto che questa spesa venisse coperta similmente al resto delle spese sanitarie, a mio parere, e infatti gli Stati civili cosi' operano, inclusi gli USA. Anzi gli USA in particolare danno a questo genere di spese una copertura statale e quindi maggiore rispetto alle spese sanitarie delle persone sotto i 65 anni che sulla base del reddito possono assicurarsi privatamente.