Titolo

Assenze per malattia: facciamo i conti

3 commenti (espandi tutti)

 

Innanzitutto non capisco il dato delle quasi 30 giornate di ferie annue di cui "godono i dipendenti pubblici, visto che nel privato (PMI) sono 21. Il 30% in meno.

 

La differenza del numero di giorni di ferie tra pubblico e privato è giustificata in gran parte dal fatto che nel pubblico il sabato è considerato lavorativo mentre nel privato non viene conteggiato nel periodo di ferie. In un' azienda privata in  4 settimane  di ferie continuate consumo 20 giorni di ferie ; nel pubblico nelle stesse 4 settimane di ferie consumo 24 giorni di ferie.

Mi sembra facile rispondere che nel privato sono diverse anche le ore/giorno lavorate, che sono molto di più. Il sabato gli statali recuperano solo le ore in meno lavorate. Tra l'altro non è proprio così: moltissimi enti pubblici sono chiusi il sabato (qualcuno, spiritoso, dice anche che non è che il venerdì sia considerato molto lavorativo..).

Solo la scuola (ma non tutte: molte cominciano a fare la "settimana corta" e orario prolungato) mantiene il sabato, e il comparto sicurezza, che ha anche le turnazioni notturne.

I dati sono crudi: gli statali lavorano meno e producono meno.

Per quel che riguarda la mia esperienza diretta di dipendente di ente locale, se si lavorano 5 giorni la settimana i giorni di ferie diventano 26. Compreso il caso della sottoscritta che lavora da martedì a sabato.

Non so se negli altri comparti ci sia una pari riduzione dei giorni di ferie, però.