Titolo

Lo Spreco

6 commenti (espandi tutti)

 

Oltre a essere più seri di noi, fisici e matematici hanno una fortuna addizionale. In genere la gente capisce bene che parlare di matematica e fisica richiede cognizione di causa. Quindi nessuno scrive sul Corriere che l'insieme di Cantor è numerabile. Se qualcuno lo facesse sono certo che i matematici reagirebbero con durezza, e farebbero molto bene. Per qualche ragione invece si ritiene che quando si parla di economia sia perfettamente accettabile e normale ignorare qualunque base di teoria economica.

La ragione oltre a quella della spesso poca serietà degli economisti rispetto a matematici ecc. probabilmente risiede nel debole statuto epistemologico della disciplina e dalla presunzione comune agli economisti e ai non economisti che sia più facile parlare di scelte di consumo e tassazione che di "spazi polacchi" e "analisi combinatoria"...

Condivido e apprezzo il tono e il contenuto del seguito della risposta... Ho detto qualcosina d'altro a riguardo in risposta a Giulio più sopra...

In un mondo ideale, sarebbe bello che ognuno facesse ciò che sa fare meglio, il germanista il germanista, l'economista l'economista e così via...ma pur condividendo il principio espresso dal suo post, devo riconoscere che in un mondo ideale non siamo e di fronte alle tante vergogne italiche mi sentirei, seppur in minoranza, di perdonare Magris (e anche Bagnasco che ne ha dette di peggiori) per un peccato di superbia...

ps. stasera ho mangiato il mio tozzo di pane guardandolo sotto un'altra luce.

ps2. grazie ancora per il suggerimento su come citare nel blog.

La ragione oltre a quella della spesso poca serietà degli economisti rispetto a matematici ecc. probabilmente risiede nel debole statuto epistemologico della disciplina e dalla presunzione comune agli economisti e ai non economisti che sia più facile parlare di scelte di consumo e tassazione che di "spazi polacchi" e "analisi combinatoria"...

Hai ragione, l'Economia e' enormemente piu' difficile delle scienze dure. Gli economisti non hanno alcuna presunzione riguardo a questo, lo sanno benissimo. 

Hai ragione, l'Economia e' enormemente piu' difficile delle scienze dure. Gli economisti non hanno alcuna presunzione riguardo a questo, lo sanno benissimo.

La prima frase non l'ho scritta (non credo si possa costruire un preordine totale delle discipline indotto dal loro grado di difficoltà). La seconda non la penso, anzi.

La prima frase non l'ho scritta

Come no, e' nel commento delle 00:52

Ho l'impressione che in questo scambio non vi stiate capendo. Se intendo bene, Malpassotu nega di aver mai detto che l'economia è più difficile delle scienze ''dure''. In effetti questa affermazione nel suo commento delle 00:52 non c'è. Tu, Andrea, a che affermazione ti riferisci?

a questa:

presunzione che sia più facile parlare di scelte di consumo e tassazione che di "spazi polacchi" e "analisi combinatoria