Titolo

Concorsi manipolati: il caso di Roma Tre

16 commenti (espandi tutti)

Nessuna polemica per carità.

Io riporto quanto mi è stato replicato.

Il punto sostenuto dal mio interlocutore, provo a spiegarlo secondo la logica dei cosiddetti eterodossi italiani, è che i tre perdenti-concorso sono paladini feroci del mainstream, che avrebbero fatto comunella con altri tagliatori di teste-eterodosse già presenti in facoltà, provocando quindi lo scompiglio degli equilibri di una delle poche cittadelle rimaste a difesa della "verità".

La vincitrice, al contrario, sempre secondo il ragionamento del mio interlocutore, pur non essendo una sodale in senso stretto, fosse anche per mero ringraziamento nei confronti di tanta grazia concessa, non avrebbe mai osato interporsi all'avanzare dialettico della "verità"...

Quando a quel punto ho fatto notare al collega il delirio onirico in cui stava "inturciniandosi" e che lo spessore scientifico di uno qualsiasi dei tre perdenti-concorso era schiacciante rispetto alla vincitrice, stizzito mi ha risposto "Io un anno ho dovuto insegnare Blanchard (Macroeconomia base per i non economisti), mi sono vergognato, (alzando la voce) hai capito? mi sono vergognato!", ed è scappato via.

Beh mi vergogno anche io, ma non perchè non l'ho preso a maleparole, chè è una cosa che poi mi avrebbe fatto vergognare ancora di più, ma perchè un ordinario relativamente giovane (poco sopra la 50ina) possa ragionare in questo modo e vantarsene...

 

Io ho insegnato Blanchard per DUE anni. Non mi prendere a maleparole, però. 

... e io che ti credevo un puro... allora anche tu hai i tuoi scheletri nell'armadio?!...

Stai scherzando? A parte econometria ho insegnato di tutto nei 21 anni di insegnamento che ho alle spalle. 

non dirmi? anche contabilità nazionale e geografia economica??

hai per caso insegnato anche "economia della conoscenza"?

io l'ho insegnata in un Master di II-livello, ma non saprei dire di che tratta...

La ricostruzione di malpassotu non mi trova affatto d'accordo: tra coloro che non si sono opposti alla nomina di Valeria Termini figura Corsetti che proprio eterodosso non è!!

La ricostruzione di malpassotu non mi trova affatto d'accordo: tra coloro che non si sono opposti alla nomina di Valeria Termini figura Corsetti che proprio eterodosso non è!!

Io infatti non ricostruisco un bel niente...non faccio l'investigatore accademico...

ho riportato uno scambio di opinioni con un collega che, da abbastanza vicino agli ambienti di Roma3 Economia, cercava di fornirmi una giustificazione expost alla decisione presa dalla facoltà...

i fatti per linee generali li ha ricostruiti semmai Boldrin nel suo post...

Appunto: i fatti li ha ricostruiti Boldrin. Le persone coinvolte in questa faccenda sono state chiamate in causa e se vogliono intervenire lo possono fare direttamente ...

Io mi sono limitato a sostenere che i "rumors" riportati sono sconfessati dalla presenza di Corsetti nel gruppo dei sostenitori della Termini!

Non so se sia eterodosso o no, ma credo sia all'Istituto Universitario Europeo e non a Roma 3.

Esatto, ma i professori italiani con contratto dell'EUI sono fuori ruolo ai sensi dell'articolo 17 della 382/80 e quindi mantengono i diritti accademici. In particolare possono partecipare ai consigli di Dipartimento e di facoltà, se vogliono

Vero, ma sarebbe difficile considerare negligente o peggio chi è on leave per non avere partecipato ad un CdF della sua Facoltà.

Colazione a pane e coniglio di nuovo? Guarda che con il caffélatte non viene bene ...

Io? Mica sono io quello che è on leave. Io quando devo votare contro, lo faccio. E vado spesso in minoranza. Ma credo che condannare Corsetti perchè non è andato a votare sia eccessivo.

condannare Corsetti perchè non è andato a votare sia eccessivo

Io non ho condannato proprio nessuno! Andiamoci piano.

Scopro ora, se interpreto bene quanto scrivi, che non è andato a votare (c'è il TAV, comunque, fra SMN e Termini).

Io ho solo chiesto (a lui ed a molti altri economisti italiani) che ne pensa(no) dei meriti accademici della vincitrice in comparazione a quelli dei tre perdenti, tutto lì.

Vediamo se qualcuno dice la sua, o se è sempre e solo il buon Perotti che fa da Don Quijote.

P.S. A proposito, Biasco ha poi querelato Perotti? O ha fatto come fece Alfredo Medio con me alcuni anni fa quando rovinai la manipolazione udinese? Fuoco e fiamme in un'imbarazzante lettera al mio dean e poi nada de nada? Just curious ...

La vincitrice, al contrario, sempre secondo il ragionamento del mio interlocutore, pur non essendo una sodale in senso stretto, fosse anche per mero ringraziamento nei confronti di tanta grazia concessa, non avrebbe mai osato interporsi all'avanzare dialettico della "verità"...

Ecco questo mi pare interessante. Ne deduco che la vincitrice ha ottenuto il posto non perche' dominava gli altri candidati in una qualsiasi dimensione, ma proprio perche', non dominandoli in qualsiasi dimensione accettabile, sarebbe e sara' piu' manipolabile degli altri in decisioni future. Questo, ovviamente, non ha niente a che vedere con la preferenza per l'eterodossia. Mi sembrava giusto precisarlo. E' possibile anzi che fra due candidati "eterodossi", questi avrebbero preferito il peggiore, come e' succede ed e' successo in continuazione anche quando la questione metodologica non viene invocata. 

Ne deduco che la vincitrice ha ottenuto il posto non perche' dominava gli altri candidati in una qualsiasi dimensione, ma proprio perche', non dominandoli in qualsiasi dimensione accettabile, sarebbe e sara' piu' manipolabile degli altri in decisioni future. Questo, ovviamente, non ha niente a che vedere con la preferenza per l'eterodossia.

Diciamo che è una giustificazione ex-post del mio interlocutore che non necessariamente rispecchia la motivazione fornita (if any) dalla facoltà che ha deciso per l'una o per l'altra.candidatura...