Titolo

Concorsi manipolati: il caso di Roma Tre

2 commenti (espandi tutti)

La vincitrice, al contrario, sempre secondo il ragionamento del mio interlocutore, pur non essendo una sodale in senso stretto, fosse anche per mero ringraziamento nei confronti di tanta grazia concessa, non avrebbe mai osato interporsi all'avanzare dialettico della "verità"...

Ecco questo mi pare interessante. Ne deduco che la vincitrice ha ottenuto il posto non perche' dominava gli altri candidati in una qualsiasi dimensione, ma proprio perche', non dominandoli in qualsiasi dimensione accettabile, sarebbe e sara' piu' manipolabile degli altri in decisioni future. Questo, ovviamente, non ha niente a che vedere con la preferenza per l'eterodossia. Mi sembrava giusto precisarlo. E' possibile anzi che fra due candidati "eterodossi", questi avrebbero preferito il peggiore, come e' succede ed e' successo in continuazione anche quando la questione metodologica non viene invocata. 

Ne deduco che la vincitrice ha ottenuto il posto non perche' dominava gli altri candidati in una qualsiasi dimensione, ma proprio perche', non dominandoli in qualsiasi dimensione accettabile, sarebbe e sara' piu' manipolabile degli altri in decisioni future. Questo, ovviamente, non ha niente a che vedere con la preferenza per l'eterodossia.

Diciamo che è una giustificazione ex-post del mio interlocutore che non necessariamente rispecchia la motivazione fornita (if any) dalla facoltà che ha deciso per l'una o per l'altra.candidatura...