Titolo

Concorsi manipolati: il caso di Roma Tre

3 commenti (espandi tutti)

In occasione dell'uscita del pezzo sul Fatto Quotidiano, mi viene da riproporre una riflessione sui requisiti per la docenza universitaria, laddove i criteri di Roma3 fanno riferimento solo a risultati scientifici e non anche a eccellenza nel'insegnamento e nel trasferimento di conoscenze a soggetti diversi dagli studenti. Il che non toglie il Fatto, ovviamente, che finchè i criteri sono quelli vanno sempre rispettati, a norma del principio di legalità.

RR

 

Segnalo la duplice risposta, pubbblicata dal Fatto, da parte del Presidente della Commissione di Facoltà che ha istruito la valutazione comparativa, Paolo Leon, nonchè della stessa Valeria Termini, che a lume di memoria interviene quivi per la prima volta su tutta la polemica.

L'interessata annuncia che Boldrin sarà "chiamato a rispondere" delle denigrazioni. Una primizia, per nFA?

RR

E qui la contro-replica, che inizialmente mi era sfuggita...

RR