Titolo

Il Cosimo Mele Fan Club

1 commento (espandi tutti)

A casa mia, che è quella del metodo scientifico Galileiano, si userebbero metodi di indagine, descrizione dei fatti, e teorizzazione, molto migliori.

Nel 2004, e poi ancora fino alla scorsa legislatura, non sussisteva un metodo di rimborso dei viaggi sulla dichiarazione dell'effettiva spesa sostenuta, ma era basato su forfettari che venivano calcolati in base alla distanza. Di questo sistema hanno approfittato praticamente tutti gli europarlamentari, di tutti i Paesi. Il forfettario, si puo' intuire, si fondava su analisi dei costi da "business class" di compagnie tradizionali, in quanto si riteneva che il deputato, sovente in viaggio, potesse approfittare del tempo di viaggio per lavorare piu' comodamente. Cosa, che, en passant, mi è capitato di vedere personalmente con Prodi, quando i.e. in un viaggio lui e Riccardo Levi erano i soli due in business e usarono il viaggio certamente per lavorare e farsi la mazzetta di giornali (c'era un discreto disastro di carta poi sul posto...). Invece i deputati "normali" hanno sempre sfruttato i voli low-cost (mi è capitato di viaggiare Ryanair o Brussels Airlines con qualche fila davanti o dietro Tajani, Lombardo o Giusto Catania di Rifondazione).

Tuttavia da questa legislatura è in vigore il nuovo Statuto del Deputato Europeo che ha escluso questa possibilità. Ora bisogna presentare le pezze. Quindi vedete bene che i problemi si risolvono con le Norme. Poi c'è anche il ragionamento e la valutazione etica al di là delle norme esistenti, ma va evitato di far credere che in quel momento i deputati (e Napolitano) stessero "rubando".

Tra l'altro, con questo nuovo Statuto si è posto uno stipendio uniforme Europeo a 7.000 EUR al mese. Nelle more della discussione, e approvazione, si è lasciata una finestra temporale di ulteriori 2 legislature perchè i singoli Stati, con proprie decisioni, e a carico dei propri bilanci, possano rabboccare ad libitum questo emolumento (indovinate su pressioni di chi). nFA potrebbe fare un'opera di informazione pubblica, e forse uno scoop, se qualcuno accertasse se l'Italia ha già adottato questa possibilità.

RR