Titolo

Il Cosimo Mele Fan Club

1 commento (espandi tutti)

Sottoscrivo tutto quello che ha detto Marco. Temi cui volevo, in qualche modo, alludere con i miei riferimenti alla rivista Il Moderno e i suoi finanziamenti. Purtroppo dobbiamo fare i conti con le persone che sono al potere, in generale solo anziani o vecchi rimbambiti, incluso Berlusconi che negli anni 80, da "imprenditore venuto da chissà dove" faceva politica sia con Craxi che con il PCI e Gorbacev, quindi molto prima di Putin.  Ma questi anziani, seppur rimbambiti, hanno la memoria lunga (la "memoria istituzionale"!) e la fanno pesare.

Quando la Corte Costituzionale bocciò il Lodo Alfano, Berlusconi strillò che "si sentiva tradito dal Presidente della Repubblica"...  perchè con la sua firma aveva garantito... Garantito che cosa?  A quel tempo mi sorpresi moltissimo sia della firma di Napolitano che di questa uscita di Berlusconi. E, ingenuamente, non sapevo spiegarmi né l'una né l'altra.

Ma, oggi, dopo la verifica che Fininvest (e Ligresti) finanziava(no) la Rivista "Il Moderno" della corrente di Napolitano (una rivista che aveva una tiratura infima di circa 500 copie) e finanziava anche la Festa dell'Unità (secondo Ludovico Festa, direttore de Il Moderno, poi passato al Foglio), capisco che lo strillo di Berlusconi sul Lodo Alfano era un "messaggio" per il Presidente della Repubblica:  "queste cose non devono più ripetersi"...  (un po' come Gennaro Mokbel con l'ex senatore Nicola Di Girolamo...).

In questo modo, mi "spiego" anche l'inneffabile uscita di ieri di Napolitano 

Non era sostenibile che potessero non parteciparvi nella più grande regione italiana il candidato presidente e la lista del maggior partito politico di governo...

Queste cose scritte e firmate dal Presidente della Repubblica garante della Costituzione e delle leggi...  Chissà come la Mafia se la ride...