Titolo

L'Assoluto e il Relativo

2 commenti (espandi tutti)

Es. In Inghilterra la soglia all'interno della quale effettuare un aborto è di 24 settimane.

In altri Paesi la legge stabilisce in modo diverso la soglia delle 24 settimane. 

Esiste una certa flessibilità nel determinare la soglia fra aborto e infanticidio.

Da un sondaggio del Gennaio 2010, Angus Reid Public Opinion, si evince che il 38 percento della popolazione pensa che l'aborto debba essere legale in qualunque circostanza.

Vien naturale pensare che in quel 38 percento ci siano molte donne che potrebbero avere bisogno di effettuare aborti oltre le 24 settimane e per loro sarebbe normale.

Il numero di aborti in Uk è crescente di anno in anno e fra i più alti tassi di aborti fra teenagers in Europa. Il problema credo sia legato al mancato uso di forme alternative di contracezione.

Da questo punto di vista ti do ragione quando dici che esiste una contraddizione nella Chiesa dal punto di vista della società. Però bisogna anche tener presente che la Chiesa parla alla donna che vuol esser cattolica e non a tutte le donne che son libere di divertirsi e usare i contracettivi. Mi riferisco al 'datela datela' del commento sopra.

I dottori che effettuano aborti su late-term abortions non vanno incontro a criminal charges. Il prosecution rate è basso. Questo nonostante la soglia stabilita dal 1967 Abortion Act.

The slope is slippery indeed...

Però bisogna anche tener presente che la Chiesa parla alla donna che vuol esser cattolica e non a tutte le donne che son libere di divertirsi e usare i contracettivi. Mi riferisco al 'datela datela' del commento sopra.

Eh no, la chiesa parla, anzi pretende di imporsi senza poi parlare granché, a tutte le donne.

Così come pretende di imporsi a tutti coloro che vogliono, che so, usare contraccettivi, divorziare, amare persone del proprio sesso, non avere crocefissi in aula o in ufficio, eccetera.

Magari parlasse solo a coloro che vogliono esser cattolici e/o cristiani, a quel punto la sua sarebbe una posizione assolutamente rispettabile perché appunto parlerebbe a chi vuole vivere secondo i suoi  (della chiesa ma liberamente scelti) precetti.