Titolo

Io sto con la professoressa

3 commenti (espandi tutti)

Il problema era, ed è, se è legittimo "to single out" (in italiano, non mi viene ...) uno studente ed un suo comportamento per imbastirci una lezione attraverso una discussione in classe.

No, non e` opportuno, ma e` legittimo  e legale (quindi non e` da denunciare). Non e` opportuno perche` stiamo parlando di adolescenti e chi ha un minimo di esperienza con gli adolescenti sa` che basta pochissimo per creare una barriera invalicabile fra noi e loro. Una condizione del genere in una classe diventa difficilmente gestibile, con un danno irreparabile per la didattica. Ovviamente poi tutto dipende dal professore e dalle sua capacita`. Boldrin probabilmente, grazie alla sua ironia e arte oratoria (sono serio), sarebbe riuscito a tenere in piedi la discussione e a convincere le ragazze a stare piu` attente a quello che indossano.

Ripeto bastava rimandare la discussione alla lezione successiva. Non era necessario puntare il dito verso la ragazza in questione e la sua maglietta.

Boldrin probabilmente, grazie alla sua ironia e arte oratoria (sono serio), sarebbe riuscito a tenere in piedi la discussione e a convincere le ragazze a stare piu` attente a quello che indossano.

Oh, ma basta la', pero' lo fate apposta a tirarmici dentro. E perche' di grazia una ragazza dovrebbe stare attenta a non indossare una maglietta con la scandalosissima scritta "kiss me before my boyfriend comes back". Santi numi dove andremo a finire signora mia...

Francesco, non era un grandissimo fisico ad aver detto: "è più facile rompere un atomo che un pregiudizio"?

E quanto è ancora più facile rompere le palle con discorsi inutili, quali quelli che giustamente combatti?  La tragedia dell'Italia, oltre alla solita trafila di Pil in affanno, spesa pubblica clientelare, e così via...è che anche a livello di costume sociale si stanno affermando queste cose regressive. Un'Italia  impaurita, sulla difensiva in tutto, in economia come nei costumi sociali, nella sperimentazione scientifica...c'è un'aria fetida, di un paese stanco che si culla in una sedia a dondolo rimirando le glorie trascorse appese alle pareti...

Ma una compressione dei consumi  e della crescita economica dovuta alla crisi genera anche l'affermarsi di valori reazionari? Se c'è correlazione, conviene andarsene....