Titolo

Letture per il fine settimana 20-3-2010

2 commenti (espandi tutti)

Marco, a me viene ancora più da ridere al pensiero che se il PD dovesse per arcani motivi vincere le elezioni i primi che non applicherebbero mai le politiche di Fassina sono i toscani e gli emiliani, ovvero le province dove il PD vince a mano bassa (Gilberto Bonaga dice che è per il sistema di potere, ma comunque vincono).

Cioè, dico io, vuoi elaborare un pensiero economico "nuovo" ? Metti intorno a un tavolo economisti di varie estrazioni (che lui riconosce esistere nel PD), discuti e cerca di fare un programma economico innovativo, basato poi su quelle quattro liberalizzazioni fatte dal tuo capo quando era al governo, e che furono l'apice della (bassa) popolarità del governo Prodi. Insomma il solco lo hai visto, hai visto che la gente ti segue, e cosa fai ? rinneghi tutto! La frase da brividi "piuttosto che abbassare le tasse preferisco aumentare gli asili nido" è da brividi! Lega due cose totalmente slegate fra loro, perchè io potrei rispondere che, ad esempio, si possono aumentare gli asili nido diminuendo quelli che di politica ci campano, compresi il numero di parlamentari, così, giusto per demagogia spicciola, o potrei tranquillamente diminuire le tasse semplicemente abolendo tutti i sussidi ed incentivi di cui godono, in varia misure, enti, categorie di persone, territori ed industrie a vario titolo. Avresti appalusi a scena aperta, boati e ola a non finire. No, il PD parla di "redistribuzione", siamo tornati "a ciascuno secondo i suoi bisogni"...

io sono cittadino emiliano (anzi romagnolo, ma vabè) e posso dirti che qui la politica del PD è tutto fuorché liberista; motivo per cui non mi faccio incantare quando un loro candidato (ex presidente della regione Emilia per giunta!!) pretende di passarci per liberale.

E poi liberale di che? le pseudo-riforme che fece Bersani possono davvero meritarsi questo titolo? Tu sei troppo ottimista. Bersani non fece riforme liberali, e il popolo italiano non le vuole. Le vuole quando si applicano agli altri, magari a qualche minoranza impopolare (i notai...); scusate la volgarità, ma ognuno in Italia è liberale col c... degli altri.

Poi sia chiaro, quando il PD metterà in programma e attuerà in parlamento delle riforme che comporteranno l'abolizione dell'articolo 18, la privatizzazione della RAI, la privatizzazione dei servizi pubblici locali (a partire da Hera) e il pagamento delle tasse da parte delle cooperative, allora crederò che il PD è un partito liberista.