Titolo

Letture per il fine settimana 20-3-2010

5 commenti (espandi tutti)

fasulle come quelle del PD?

Sarebbe così gentile da spiegarsi?

grazie

E' una perdita di tempo ma non resisto.

Le primarie vere hanno più candidati con serie probabilità di vittoria, quelle del PD sono plebisciti per dare l' aura di eletto dal popolo ad un candidato scelto dalla segreteria.

Con le primarie vere contro Veltroni se la sarebbero giocata D'Alema e Rutelli.

è veramente una perdita di tempo? Forse, ma lo faccio comunque, non si sa mai, forse riesco a convincerla.

E' falso che le primarie siano plebisciti. Le ultime primarie per il segretario nazionale, dove correvano Bersani, Franceschini e Marino non si sapeva come sarebbero finite.  Nessuno ha impedito a Veltroni o d'Alema di partecipare, se non, immagino, la loro coscienza che era tempo di mettersi da parte.

Sono il coordinatore di un circolo del PD, e posso testimoniare in tutta serenità che le anche le altre primarie, quelle a livello provinciale, realizzate nella mia città sono state perfettamente pulite.  Ha vinto chi ha avuto il maggior sostegno tra i votanti.  Il fatto è che la parte DS-PC del PD è maggioritaria e rischia di vincerle sempre.

Esprimono veramente la volontà dei votanti potenziali? Solo in parte, perchè vota essenzialmente chi vuole -- e ha diritto -- .  Ci sono state irregolarità? Probabilmente. Hanno inficiato i risultati? Da quello che ho letto, direi di no. Ha vinto le primarie che ha avuto più consensi. Il partito si è schierato con fondi propri a favore di qualcuno? Non mi risulta. D'Alema s'è sfortunatamente giocato contro Vendola ma che le povere casse del partito abbiano finanziato un candidato invece di un altro non mi risulta. Attendo di essere corretto al riguardo.

I problemi delle primarie sono altri. A volte c'è eccesso di democrazia. Mi chiedo se c'è bisogno di scomodare gli iscritti per scegliere il segretario provinciale. D'altro canto molti iscritti si chiedono perchè mai il segretario del partito dovrebbero sceglierlo i simpatizzanti e non solo gli iscritti.

Personalmente credo che ci sia meno bisogno di primarie per scegliere i candidati e più di partecipazione dei circoli al lavoro dei loro rappresentanti una volta eletti. Ma questo è un altro discorso.

Hai ragione, le primarie per l' elezione del segretario erano vere, non lo erano quelle per l' investitura di Prodi prima e Veltroni poi a candidato premier.Per le (tue) locali non ho problemi a crederti.

Aggiungo che nel caso del  segretario le primarie vere si son fatte solo perchè non si è trovato un' accordo in segreteria, mentre da che mi risulta che nei partiti americani la segreteria (e gli eletti in generale) contino molto meno.

Confesso che in testa avevo un'idea delle primarie del PD piuttosto finta (diciamo simile a quella che si vede nel film Diverso da Chi?)

Navigando mi sono inbattuto in questo che mi ha un pò sopreso.

Certo, non è pensabile che uno si prenda la briga di informarsi su tutte le primarie locali ed è verissimo quanto dice Marcello, tuttavia mi pare che il PD se pure ancora parecchio lontano dall' Amerika un passetto avanti rispetto agli altri pariti lo sia (cfr Renzo Bossi e simili)