Titolo

Il contratto unico: "xe pezo el tacon del sbrego"

1 commento (espandi tutti)

Se poi vogliamo discutere del fatto che a questi precari piacerebbe avere la quattordicesima, 2 mesi di ferie, una villa pagata, e altre cose di simile ovvietà facciamolo pure ma non qui perché facciamo perdere tempo a chi vuole leggere un dibattito sensato. 

Chiudo anch'io, solo per ricordare che ho chiesto le medesime regole per "subordinati" e "parasubordinati". Che per me sono, come idea e concetto, delle "regole di requisiti minimi generali", cioè tipo "4 settimane di ferie pagate" come dice la Costituzione, o la tredicesima, se questo è il regime della _distribuzione_ dei pagamenti (o la medesima aliquota contributiva obbligatoria pensionistica), ecc. Non precludo ad accordi aziendali o personali più favorevoli al lavoratore, se concordate (quattordicesime, 3 mesi di ferie, ville, macchine, escort [solo se il datore di lavoro è privato]), e però mi riservo di considerare dei limiti "superiori" su forme specifiche delle remunerazioni, in caso vi sia un giudizio assodato sulla perversione di tali incentivi su interessi pubblici importanti.

RR