Titolo

Il matrimonio omosessuale: non si può fare

4 commenti (espandi tutti)

mi sembra molto probabile che chi ha scritto la costituzione non pensasse al matrimonio omosessuale e che quindi non intendesse ne' ammetterlo ne' vietarlo. E mi e' anche parso che la corte sostenesse questo con il riferimento al mutamente dei costumi.

La Costituzione non è completa, benchè alcuni sostengano l'opposto. E aggiungo: ridicolo ridurre gli spazi di manovra della democrazia assumendo, specie per fatti di costume quali quelli in discussione, vincoli culturali non collegati alla preservazione di procedure giuridiche volte alla definizione e regolazione della natura democratica e repubblicana del nostro ordinamento.

I diritti costituzionali sono tali ok, ma una filosofia del diritto che non sia dottrina (ovvero non sia elencazione e ricostruzione ex post delle decisioni assunte dai giudici, nel tentativo di indagare slittamenti semantici, modifiche a mezzo di sentenze di giudici a qualunque livello concernenti la regolazione pubblica di condotte private) si interroga sul peso specifico che ciascun diritto possiede per la tenuta dell'edificio. Così come ci sono muri portanti, tramezzi e separè in carton-gesso, allo stesso modo vi sono diritti fondamentali e diritti che lo sono meno, sia da un punto di vista sostanziale (per il tipo di garanzie che assicurano ai cittadini) sia dal punto di vista funzionale (per il tipo di procedure legali che assicurano e che non sono collegate alla preservazione dell'ordinamento in cui sono enforced); che poi siano tutti inscritti nella costituzione, rende la loro modifica solo più "difficile", ma non li legittima da un punto di vista argomentativo, ma solo da un punto di vista dottrinario. E infatti, le giustificazioni che si adducono sono storiche (la famiglia è questo e questo altro. Capaneo, ma me lo spieghi cosa leggi? Ti consiglio questo libro, che è una cosa divulgativa e non pedante. Leggitelo e poi parliamo di famiglia); sociologiche (senza famiglia la società va a puttane, oddio anche gli sposati ci vanno ma vabbè); o etimologiche (matrimonium deriva da mater? Ah ah ah e se un gay riesce a impiantarsi un utero e ad assolvere alla genitorialità in forma matriarcale pur mantenendo l'uccello e avendo un utero tipo sacchetta della spesa legato alla schiena? Allora che facciamo? Rivediamo tutto? A quel punto chessò ci parlerai della ubris della scienza, di Prometeo e di altre fantasticherie? E da quando l'etimologia dovrebbe determinare una condotta etica? Cosa pensi di avere dimostrato facendo glottologia da Settimana Enigmistica? Incredibile davvero!

Sul resto ha detto con chiarezza Andrea.

Noto che altri articoli della costituzione sono bellamente buttati al cesso. Le scuole private libere ma senza oneri per lo stato? Mi pare le scuole private beneficino di finanziamenti, o no? I direttori responsabili iscritti alla fieg? Non è una violazione della libertà di parola? E così via....

2 - una legge che introducesse nel nostro ordinamento il matrimonio omosessuale, equiparato tal quale a quello eterosessuale, sarebbe invece incostituzionale per violazione dell'art. 29 della costituzione.

Le affermazioni della Corte Costituzionale che la "famiglia fondata sul matrimonio", prevista dal citato art. 29 cost., è esclusivamente quella tra uomo e donna e che le unioni omosessuali non possono essere "omogenee" al matrimonio, rappresentano - a costituzione vigente - la parola fine alla possibilità che il matrimonio omosessuale possa trovare cittadinanza in Italia.

Ma non ci sono leggi europee alle quali l'Italia è tenuta ad uniformarsi? Se l'Europa legiferasse in tal senso, o se l'avesse già fatto, l'Italia sarebbe costretta ad adeguarsi, o no? Sabino fammi capire. La Storia non può arrestarsi dinnanzi all'esegesi di scribi giuridici che ricevono applausi dai farisei politici che poi, magari, la notte vanno a trans. Ne sono certo: la libertà farà il suo corso anche in Italia. E' sempre stato così.

E infatti, le giustificazioni che si adducono sono storiche (la famiglia è questo e questo altro. Capaneo, ma me lo spieghi cosa leggi? Ti consiglio questo libro, che è una cosa divulgativa e non pedante. Leggitelo e poi parliamo di famiglia);

Premesso che io leggo solo ed esclusivamente le didascalie dei giornaletti pornografici (*), ha poca importanza quello che io o tu pensiamo che sia famiglia... soprattutto perchè qui nessuno sta parlando di famiglia, ma si sta parlando di matrimonio come negozio giuridico (e sai, o dovresti sapere, che sono due cose diverse... se hai dubbi ti posso suggerire qualche lettura)...

La nostra costituzione, ti piaccia o no, tutela solo ed esclusivamente il matrimonio, negozio giuridico tra due parti di sesso opposto, punto. Ruolo della corte è di stabilire se una legge sia o meno costituzionale e siccome l'unica cosa tutelata dalla costituzione è il matrimonio/negozio giuridico tra due persone di sesso opposto, allora, giustissimamente, la corte dice che una norma di rango ordinario che impedisca alle coppie dello stesso sesso di sposarsi è perfettamente costituzionale, ri-punto. Puoi leggere tutti i libri che vuoi sul ruolo ed il concetto della famiglia nei secula seculorum, ma ciò mai potrà cambiare quello che è scritto nella nostra costituzione.

Se ti sta a cuore la possibilità che due persone dello stesso sesso si sposino, non devi proporre interpretazioni forzate ed illogiche della costituzione, non devi suggerire le tue letture preferite ai giudici costituzionali, devi semplicemente proporre una MODIFICA della costituzione... tutto qui.

(*) Sinceramente, trovo piuttosto volgare questa cosa che fai spesso (almeno con me), di rispondere citando continuamente letture, anche a costo di citare roba che non c'entra nulla con l'argomento trattato, come in questo caso. Ho capito che sei più o meno inutilmente colto (a differenza di me, che sono certamente ignorante), rilassati ;)

 

 

 

 

Sinceramente, trovo piuttosto volgare questa cosa che fai spesso (almeno con me), di rispondere citando continuamente letture, anche a costo di citare roba che non c'entra nulla con l'argomento trattato, come in questo caso. Ho capito che sei più o meno inutilmente colto (a differenza di me, che sono certamente ignorante), rilassati ;)

Ma sbagli davvero e non poco. Io detesto il trombonismo di chi cita a cazzo (tipo degli ambienti umanistici che frequento); e non credo che la cultura sia intelligenza o non lo è necessariamente; è meglio un buon argomento che una buona memoria.

Se guardi qui, e vedi l'indice del libro di Remotti che citavo, vedrai che parla proprio del problema di cosa sia famiglia naturale, cosa siano i coniugi e così via...lo puoi desumere anche dall'indice...quindi la mia citazione era pertinente.

Ubris. Era uno sfottò perchè c'è tutta una corrente di pensiero razional-cattolica che dice ora delle staminali quello che diceva degli antibiotici e così via proprio richiamandosi al concetto di misura tipico della classicità. Non metto link che è volgare però...e poi mi riprendi.

E' verò: io sono inutilmente colto. Ma tu sei inutilmente permaloso se prendi un link come una sorta di affronto personale. Allora facciamo così. Tu i link mettili sempre, io con te non li metterò più.Anche se sembro assertivo, vengo qui per imparare e se mi dicono: guardati questo, ringrazio.

Sull'essere rilassati...cosa vuoi che ti dica, si fa quel che si può ;).

Ps: il link al libro di Remotti va direttamente a una pagina della laterza in inglese dove non c'è l'indice del libro, non capisco perchè...deve essere una sorta di contrappasso contro il mio uso esagerato dei link.