Titolo

Il matrimonio omosessuale: non si può fare

2 commenti (espandi tutti)

E infatti, le giustificazioni che si adducono sono storiche (la famiglia è questo e questo altro. Capaneo, ma me lo spieghi cosa leggi? Ti consiglio questo libro, che è una cosa divulgativa e non pedante. Leggitelo e poi parliamo di famiglia);

Premesso che io leggo solo ed esclusivamente le didascalie dei giornaletti pornografici (*), ha poca importanza quello che io o tu pensiamo che sia famiglia... soprattutto perchè qui nessuno sta parlando di famiglia, ma si sta parlando di matrimonio come negozio giuridico (e sai, o dovresti sapere, che sono due cose diverse... se hai dubbi ti posso suggerire qualche lettura)...

La nostra costituzione, ti piaccia o no, tutela solo ed esclusivamente il matrimonio, negozio giuridico tra due parti di sesso opposto, punto. Ruolo della corte è di stabilire se una legge sia o meno costituzionale e siccome l'unica cosa tutelata dalla costituzione è il matrimonio/negozio giuridico tra due persone di sesso opposto, allora, giustissimamente, la corte dice che una norma di rango ordinario che impedisca alle coppie dello stesso sesso di sposarsi è perfettamente costituzionale, ri-punto. Puoi leggere tutti i libri che vuoi sul ruolo ed il concetto della famiglia nei secula seculorum, ma ciò mai potrà cambiare quello che è scritto nella nostra costituzione.

Se ti sta a cuore la possibilità che due persone dello stesso sesso si sposino, non devi proporre interpretazioni forzate ed illogiche della costituzione, non devi suggerire le tue letture preferite ai giudici costituzionali, devi semplicemente proporre una MODIFICA della costituzione... tutto qui.

(*) Sinceramente, trovo piuttosto volgare questa cosa che fai spesso (almeno con me), di rispondere citando continuamente letture, anche a costo di citare roba che non c'entra nulla con l'argomento trattato, come in questo caso. Ho capito che sei più o meno inutilmente colto (a differenza di me, che sono certamente ignorante), rilassati ;)

 

 

 

 

Sinceramente, trovo piuttosto volgare questa cosa che fai spesso (almeno con me), di rispondere citando continuamente letture, anche a costo di citare roba che non c'entra nulla con l'argomento trattato, come in questo caso. Ho capito che sei più o meno inutilmente colto (a differenza di me, che sono certamente ignorante), rilassati ;)

Ma sbagli davvero e non poco. Io detesto il trombonismo di chi cita a cazzo (tipo degli ambienti umanistici che frequento); e non credo che la cultura sia intelligenza o non lo è necessariamente; è meglio un buon argomento che una buona memoria.

Se guardi qui, e vedi l'indice del libro di Remotti che citavo, vedrai che parla proprio del problema di cosa sia famiglia naturale, cosa siano i coniugi e così via...lo puoi desumere anche dall'indice...quindi la mia citazione era pertinente.

Ubris. Era uno sfottò perchè c'è tutta una corrente di pensiero razional-cattolica che dice ora delle staminali quello che diceva degli antibiotici e così via proprio richiamandosi al concetto di misura tipico della classicità. Non metto link che è volgare però...e poi mi riprendi.

E' verò: io sono inutilmente colto. Ma tu sei inutilmente permaloso se prendi un link come una sorta di affronto personale. Allora facciamo così. Tu i link mettili sempre, io con te non li metterò più.Anche se sembro assertivo, vengo qui per imparare e se mi dicono: guardati questo, ringrazio.

Sull'essere rilassati...cosa vuoi che ti dica, si fa quel che si può ;).

Ps: il link al libro di Remotti va direttamente a una pagina della laterza in inglese dove non c'è l'indice del libro, non capisco perchè...deve essere una sorta di contrappasso contro il mio uso esagerato dei link.