Titolo

Voltremont a Hogwarts

1 commento (espandi tutti)

Io veramente non so come un giornalista minimamente decente possa riportare dichiarazioni come quelle di Voltremont in modo così acritico. Come minimo bisognerebbe aspettare di vederle, queste tabelle dell'IMF che ci mettono ''vicino alla Germania''. Essendo l'affermazione completamente improbabile ed essendo il personaggio quello che è un po' di prudenza non guasterebbe.

Con riferimento ai conti di Michele, c'è un punto tecnico che mi piacerebbe capire meglio e che diventerà chiaro solo quando i dati veri e il modello usato (non le percezioni stralunate di Voltremont) verrano resi noti. E' chiaro che fare previsioni sul tasso di crescita del PIL per i prossimi vent'anni lascia il tempo che trova. Ma anche volendolo fare ed assumendo che il tasso di crescita sia il 2% l'anno ci sono due possibili ipotesi:

1) quella che ha fatto Michele nel suo commento, ossia da questo momento in poi il PIL crescerà al 2% l'anno. Come mostra Michele, con questa ipotesi i conti non tornano. Si noti inoltre che il FMI al momento prevede 0,8% per il 2010 e 1,2% per il 2011, che fa tornare i conti ancora meno.

2) oppure si intende il 2% come crescita del PIL potenziale e si assume che alla fine il PIL effettivo si avvicinerà a quello potenziale. La differenza è rilevante perché implica che la perdita di PIL che abbiamo avuto negli ultimi due anni verrà recuperata. Insomma, cresceremo più del 2% l'anno in modo da compensare quanto abbiamo perso nel 2008 e 2009.

Vedremo poi meglio quali sono le ipotesi sottostanti. In ogni caso, fare tanto rumore per previsioni a 20 anni senza spiegare come minimo che esiste un margine di variazione colossale e un'incertezza enorme è veramente un pessimo servizio.