Titolo

Voltremont a Hogwarts

4 commenti (espandi tutti)

dalla mia breve esperienza al sud:  medici svogliati che fanno operazioncine tipo suture per le quali è bene tornare e farsi rivedere, strutture sanitare fatiscenti  per essere un ospedale(con, nel caso che ricordo meglio PEDATE sul soffitto), e benché i salari siano uguali, benchè le apparecchiature siano a concorso, credo che il problema sia nella quantità di interventi effettuati (tanti inutili che il SSN paga vs pochi utili) e nella parte soggetta ad aleatorietà (sarò un qualunquista ma son abituato a pensare che nei concorsi ci sia meno margine ,per i fornitori, di guadagno al nord che al sud).I costi principali sono paragonabili, certo, ma il fatto che gli ospedali (come su report di settimana prossima sarà spiegato) son centri di potere per far votare amici degli amici, e il clientelismo non è ancora endemico al nord, fa pensare che il grosso sia il "sottobanco".

Dave, Marco Esposito ha ragione e quello che tu dici non lo contraddice in alcun modo. Il dato di fatto è che la spesa sanitaria pro-capite al sud è inferiore, a volte nettamente inferiore, che al nord. I dati esatti sono nella relazione della Corte dei Conti sulla finanza regionale, di cui adesso non trovo il link. Comunque, andando a memoria: la spesa sanitaria pro-capite più bassa è in Calabria, per circa 1650 euro a cranio, la più alta nella provincia autonoma di Bolzano, per 2200 euro a cranio.

Il fatto che la fornitura di servizi sanitari al sud faccia schifo non è affatto incompatibile con il fatto che si spenda meno che al nord. Il punto cui cercava di rispondere Marco è che tutti questi margini per ridurre la spesa al sud, almeno in campo sanitario, non ci sono. Per come la vedo io, l'unica possibilità è abolire il contratto nazionale per la pubblica amministrazione, fare contratti regionali e iniziare a pagare meno i dipendenti pubblici al sud.

Resterà il problema di aumentare la qualità della fornitura di servizi sanitari nel meridione. Ma questo in principio può essere fatto anche adesso, non ha bisogno di aspettare la nuova legge sul federalismo. E in ogni caso è veramente improbabile che generi riduzioni di spesa.  

non intendevo contraddire, che la spesa pro capite sia simile è vero ed innegabile, implementavo con casistica personale e abbozzavo delle idee dove secondo me i soldi vanno a finire, ovvero in appalti truccati e via dicendo. mi scuso se sembrava un intervento contrario

Per quanto riguarda la sanità al nord il clientelismo è assolutamente endemico. Magari c'è chi sta peggio, e gli standard dei paraculati dalle mie parti è meno peggio di quanto ci si potrebbe aspettare, ma è opinione comune tra gli amici che ci lavorano che il sistema è marcio ed il suo declino è solo questione di tempo.