Titolo

Mr. Stefano e Dr. Fassina

1 commento (espandi tutti)

Devo scoprire che siete d'accordo con chi si sta appassionando del capi-comunismo cinese, che non ha questi problemi (e infatti sta -pare - soffrendo meno la crisi)??

In realta' no: personalmente, cio' che apprezzo dell'attuale dirigenza cinese e' proprio il progresso che e' stato fatto a partire dagli anni '80 in materia di liberta' sia economica che personale. Perche' se la Cina di oggi ti pare una societa' illiberale dovresti parlare con chi ha vissuto nei tempi orwelliani del maoismo (di cui la sinistra ha di solito una buona opinione, cosi' come oggi continua ad averla dell'altrettanto oppressivo regime cubano). E la robusta crescita economica in Cina dipende in larga misura dal fatto che si stanno liberando energie produttive che erano rimaste compresse prima dalla lunga decadenza di una monarchia feudale ottusamente chiusa al resto del mondo, e poi da follie maoiste come il "Grande balzo in avanti" e la Rivoluzione Culturale.

Ma certamente di strada da fare ce n'e' parecchia: senza espandere le liberta' personali, la Cina resterebbe quello che l'artista Ai Weiwei oggi chiama "un atleta che corre molto veloce ma ha un soffio al cuore". Io nel complesso sono ottimista, perche' storicamente le societa' liberali sono state il frutto della progressiva ricerca di rappresentanza politica di elites borghesi la cui consistenza percentuale si e' poi gradualmente allargata a tutta la societa' eliminando le strutture di potere feudali: rileggersi il Manifesto del 1848 per i dettagli...