Titolo

Mr. Stefano e Dr. Fassina

1 commento (espandi tutti)

scrivevo di fretta e forse non mi sono fatto capire. il "non esattamente vero" faceva riferimento alla rilevanza degli incentivi - suppongo ti riferisca all'equità attuariale implicita del sistema- del contributivo; intendevo dire che era possibile ottenerli anche all'interno di un retributivo, a patto di considerare per quest'ultimo l'intera vita lavorativa. la pensione contributiva è data dal rapporto fra un coefficiente di trasformazione e dal montante contributivo; essendo i contributi parte della retribuzione, sotto certe condizioni i due metodi di calcolo sono equivalenti in termini di pensione.

non ho trovato il riferimento di zanardi prima accennato (quel rapporto è molto vecchio e non lo trovo neanche sul sito de il mulino), ma un pò di algebra c'è anche qui (ci sono anche simulazioni su sostenibilità macro e su tasso di sostituzione atteso per alcune "storie lavorative").