Titolo

Crisi finanziaria, versione 750 miliardi di euro

1 commento (espandi tutti)

L.Ricolfi in un capitoletto del Sacco del Nord, che chiama “Gianduiotto 4”, si chiede: “si sta meglio al Nord o al Sud?”. Per lui il PIL come indicatore non va bene, e quindi offre un “esercizio” alternativo per misurare il tenore di vita degli abitanti nelle regioni. Il calcolo si basa su tre componenti:
 [...] parte della disoccupazione al Sud è volontaria e quindi il tempo libero è stato scelto come alternativa al consumo, che però contraddirebbe la definizione stessa di disoccupazione, che non è volontaria. O no?

Finalmente leggo una critica a Ricolfi che segua almeno la lettura e la comprensione di quanto ha scritto. Rispondero' meglio quando ho tempo, pero' faccio alcuni commenti veloci.

Ovviamente non e' il PIL prodotto localmente cio' che stima il livello di vita dei meridionali, perche' esistono massicci trasferimenti di ricchezza a beneficio dei meridionali da parte delle Stato italiano (si vedano ad es. le relazioni della Banca d'Italia di Mario Draghi).  Una stima nettamente migliore del livello di vita sono ovviamente i consumi in termini reali, correttamente utilizzati da L.Ricolfi.

Poi il maggior tempo libero a Sud esiste, e non si tratta solo di disoccupati involontari, ci sono ad es. anche i falsi invalidi, che guadagnano solo fingendo di essere invalidi.  Poi se si volesse approfondire c'e' anche un maggior tempo libero che deriva specie nel settore pubblico da maggiore assenteismo, maggiore nullafacentismo, maggior numero ed esuberi di dipendenti pubblici rispetto le necessita' e rispetto alle altre regioni (basta pensare agli operai forestali).  Tutto questo maggior tempo libero appena descritto non e' stato nemmeno conteggiato da LR.

Comunque sono d'accordo che stimare il valore del tempo libero sia operazione discutibile, se qualcuno la rifiuta puo' comunque prendere i consumi che mostrano che nel Sud si sta solo poco peggio che nel Nord, anche se si produce circa la meta' e si lavora molto meno in termini di ore lavorate, almeno nel settore legale.