Titolo

Crisi finanziaria, versione 750 miliardi di euro

2 commenti (espandi tutti)

giusto perchè su questo sito si ama essere precisi

Presumo che definirlo dentista rientri nei mezzucci della propaganda politica nel circo mediatico italiano.

sembri voler intendere che dentista è qualcosa di meno che chirurgo. Vorrei specificiare che prima dell'istituzione del corso di laura in odontoiatria, per fare il dentista, occorreva essere laureati in medicina e possdere una specializzazionei in chirurgia maxillofacciale. Nella pagina di wikipeidia sul beneamato ministro lo si definisce appunto "chirurgo maxillofacciale" e si dice che è

a dentist like many of his relativies,

(grassetto mio) per una volta mi sentirei di dire che i mezzucci della propaganda non c'entrano. Detto tra noi uno che fa il dentista e viene da una famiglia di dentisti qualcosa a che fare con la casta potrebbe pure avercela. Con questo non voglio misurare gli infinitesimi (trovo quest'espressione che ho letto in un commento di Boldrin troppo divertente), che è troppo tempo che non ho sotto mano la regola de l'Hôpital, ma semplicemente fare una precisazione.

giusto perchè su questo sito si ama essere precisi

Presumo che definirlo dentista rientri nei mezzucci della propaganda politica nel circo mediatico italiano.

sembri voler intendere che dentista è qualcosa di meno che chirurgo.

Per me personalmente tutti sono uguali, al massimo i membri della Casta partono un gradino di sotto. Ma evidentemente mi riferisco al circo mediatico italiano dove a me risulta "dentista" vale molto meno di "chirurgo" almeno come professione qualificante per fare politica.  Ne abbiamo avuto eco anche qui su nFA in un commento precedente, in cui se fai esercizio di cambiare "dentista" con "chirurgo" vedi che suona diverso (a meno che tu non sia mai stato esposto al circo mediatico italiano).  Se necessario posso fare una ricerca su come vengono trattati i dentisti e i chirurghi politici negli archivi di Corriere e Repubblica, in ogni caso per il momento questa e' la mia percezione.