Titolo

Conti Pubblici Territoriali

2 commenti (espandi tutti)

Va bene cercare di evidenziare determinate specificità (anomalie non mi sembra corretto come termine), ma allora cerchiamo di prendere in considerazione anche l'altra faccia.

Per esempio, se è vero che nello studio vengono assimilate al Lazio, entrate fiscali riconducibili alla stato centrale, è altresì vero che non viene mai preso in considerazione il fatto che la presenza di ministeri, parlamenti e altre funzioni, costituisce un costo elevato per la città di Roma e l'intera regione. Ammetto che sarebbe un calcolo complesso, ma di fatto è un costo che spesso non viene riconosciuto.

Ci sono poi le spese ordinarie che rimangono comunque inevase: basti pensare al credito per centinaia  di milioni di euro che le diverse imprese comunali (acqua, spazzatura) vantano nei confronti di numerosi ministeri insolventi... e alla fine vengono redistribuite localmente. Senza poi far riferimento ad altri eventi straordinari che comunque pesano sempre sulle casse comunali e regionali...

Per esempio, se è vero che nello studio vengono assimilate al Lazio, entrate fiscali riconducibili alla stato centrale, è altresì vero che non viene mai preso in considerazione il fatto che la presenza di ministeri, parlamenti e altre funzioni, costituisce un costo elevato per la città di Roma e l'intera regione. Ammetto che sarebbe un calcolo complesso, ma di fatto è un costo che spesso non viene riconosciuto.

Solo un costo? Di fatto il centro del potere beneficia di una "rendita" che si manifesta nella concentrazione di attività economiche che vogliono essere vicine a quel potere (sedi, rappresentanze) per la necessità di una contrattazione piu' stretta. Non è un caso che spesso a forti capitali economiche vengano affiancate, per compensazione, capitali politiche. Che ci guadagano molto di piu' dei costi che dici.

Francesco