Titolo

Conti Pubblici Territoriali

5 commenti (espandi tutti)

Articolo molto interessante.

Una cosa non mi è chiara: come incidono (se incidono) nel calcolo i costi della sanità?

L'inefficienza della sanità di alcune regioni, o semplicemente l'eccellenza di altre, porta i malati a spostarsi lungo lo stivale per le cure. L'esperienza mi dice che, quasi sempre, il fenomeno è dalle regioni del Sud verso le regioni del Nord (Lombardia e Veneto in particolare). Questo costo temo venga conteggiato come spesa pubblica per la regione o sbaglio?

Grazie del grafico, ma non risponde alla mia curiosità (a meno che qualcosa mi sfugga).

Io mi chiedo, ad esempio: se dalle Puglia vengono ad operarsi in Lombardia i soldi spesi per queste operazioni, nelle tabelle del tuo post, vengono conteggiati come "spese sanitarie pro capite" per i Lombardi (dato che le operazioni sono effettuate in quella regione) o ci si rende conto che sono in realtà effettuati per abitanti di altre regioni e quindi conteggiati come soldi spesi pro capite per la Puglia?

Da quel che ne so, quando il calabrese viene ricoverato in un ospedale veneto, l'asl dell'ospedale veneto manda il conto alla asl calabrese del paziente. Mi risulta che poi il trasferimento non avvenga e che questo faccia parte del buco sanitario meridionale (non so che % del buco).

Mi risulta che poi il trasferimento non avvenga e che questo faccia parte del buco sanitario meridionale

Così risulta anche a me. Temevo che al "danno", dei soldi spesi da regioni virtuose per colmare lacune di regioni meno virtuose, si aggiungesse la beffa di vedere quei soldi conteggiati come se fossero stati spesi per i propri cittadini.