Title

Cose lette

2 commenti (espandi tutti)

5. Dell'autore di questo libro avevo sentito parlare, per la prima volta, attraverso una recensione di Sabino d'un suo libro precedente. Questo nuovo libro - che ho "dovuto" leggere perché un paio di studenti l'hanno messo fra i titoli del nostro club di lettura, ma quelli ve li risparmio - conferma il giudizio negativo su Fergusson che traspariva sia dalla recensione di Sabino che dal dibattito seguente. Infatti, la mia opinione è ora molto negativa visto che, al contrario del precedente, in questo libro parla di cose che conosco perlomeno tanto quanto l'autore (senza falsa modestia: chiaramente meglio se devo giudicare dalle panzane che scrive!). Questo signore mi appare ora come un, relativamente pericoloso, ciarlatano. Non c'è solo Voltremont, evidentemente ... Niall Fergusson, The Ascent of Money, Penguin Press HC, 2008.

Ups! Mi ero perso questo passaggio. Il libro l'ho letto, l'ho trovato scorrevole dal punto di vista della storia degli strumenti finanziari, le "tesi" sinceramente le ho classificate come folklore (sbaglio o è una tendenza degli storici basarsi su fatti isolati per spiegare trend di lungo periodo?). Pero' non capisco dove siano le panzane nella storia della West-Indische Compagnie o nel racconto su Fibonacci, matematica finanziaria e nascita dei titoli di credito. Cosi' eh, per dire le prime due cose che mi sono rimaste impresse - ricordo che c'era qlcs sulla crisi ma mi sembrava banalotto.

Come noti tu stesso, le panzane sono le allegre generalizzazioni introdotte ogni cinque fatti presi a caso e la continua allusione ad una specie di "mistero della moneta" che esiste solo nella testa di coloro che non hanno capito come funzionano i sistemi finanziari.