Titolo

Supergulp! Boldrin in tivvù

4 commenti (espandi tutti)

Ma il punto della questione non è se i parlamentari guadagnino o meno troppo: a Ballarò si discuteva della manovra da 24 miliardi di Euro, e di dove e come trovare i soldi, mentre ridurre gli alti stipendi dei parlamentari fa risparmiare poco.

Scusi, ma lei pensa che 24 mld si possano trovare in un colpo solo oppure con una pluralità di misure ? Cosa significa risparmiare poco ? Per quale motivo l'Italia deve continuare a spendere per la sua classe politica (direttamente=stipendi e indennità varie o indirettamente=altri costi per beni e servizi) assai di più della media europea ? Non mi sembra che la classe politica domestica si possa definire migliore di quella degli altri paesi comparabili all'Italia. Lei ha mai sentito parlare di benchmarking ? Si tratta di un criterio che usano le aziende per verificare i costi e l'efficienza dei propri reparti/divisioni confrontandoli con quelli delle altre aziende, cercando, ove possibile di razionalizzare i propri costi e/o di migliorare la propria produttività. Inoltre mi spiace informarla che dei provvedimenti di riduzione dei costi della politica (sensibili e non di facciata) devono essere necessariamente adottati dalla maggioranza che è stata delegata dagli elettori a prendere tali decisioni. A quel punto l'opposizione si dovrà necessariamente adeguare  e votare pure a favore di quei provvedimenti che indiscutibilmente riducono gli oneri che la politica "Italian style" impone al resto della popolazione.  Il criterio è che chi ha avuto la bicicletta deve pedalare per primo, non pensare solo a far pedalare gli altri. Oppure ritiene che la maggioranza degli italiana non sia affatto interessata alla riduzione di tali costi ? Purtroppo la classe politica attuale si è dimostrata efficiente solo a taglieggiare il paese, sarebbe ora che altre considerazioni di efficienza comincino a prevalere: quelle che normalmente si utilizzano nelle aziende, che vengono citate come modello solo quando fa comodo.

Per quale motivo l'Italia deve continuare a spendere per la sua classe politica (direttamente=stipendi e indennità varie o indirettamente=altri costi per beni e servizi) assai di più della media europea ?

Avevo scritto:

Sono d'accordo che i parlamentari potrebbero guadagnare -poniamo- un 20% in meno, e la cosa sarebbe tutt'altro che scandalosa. O -ancora meglio- il loro numero potrebbe essere ridotto (il Senato è un inutile doppione della Camera, e il numero dei deputati potrebbe essere di 400-500). Ed inoltre lo stesso discorso può essere fatto -a maggior ragione- per tutte le cariche elettive locali.

 

Per lei qs sembra essere un dettaglio. Secondo me invece è il punto di partenza per misurare la dignità della classe politica (di dx e di sx assieme).

Per me non è né un dettaglio, né una questione fondamentale (perché si risparmierebbero pochi soldi). È certamente una questione importante, come tante altre; quello che mi preme, e che avrei voluto fosse il succo del mi intervento in questo thread senza che mi si attaccasse personalmente, è che la questione non sia, come invece accade, una roba demagogica tipo questa.