Titolo

Non dite che non ve lo avevamo detto ...

3 commenti (espandi tutti)

Non capisco perché tanto scalpore per l'odierno DDL.

Nel giugno 2007, L'Ulivo di Prodi (madre e padre dell'odierno PD) aveva proposto un DDL - Mastella sulle intercettazioni e il bavaglio che differisce di poco dal DDL di questi giorni (vedere

http://www.corriere.it/Primo_Piano/Politica/2007/06_Giugno/12/ddl_mastel... )

Era stato approvato alla Camera con 447 voti a favore, 7 astensioni e nessun contrario. A quel tempo, nessuna reazione particolare da parte della magistratura e della stampa.

Mi sembra inutile, quindi, appellarsi al PD e al presidente della repubblica per contrastare l'odierno DDL.

 

era uno schifo ( un poco minore per la verità )

fosse stato anche peggiore questo resta uno schifo e magari dovresti spiegarmi perchè uno schifo non lo sia più perchè la parte opposta ne aveva proposto uno ( magari ) peggiore.

é la stessa logica usata per giustificare il "Processo breve"

è la stessa logica secondo cui se hanno rubato anche gli altri rubare è legittimo

ma ti rendi conto che con questa logica corri anche il rischio di affermare implicitamente che il CSX aveva proposto cose sublimi che il CDX riprende.

Dove arriveremo con questa (non)logica

 

Conoscendo Quirino, credo proprio che non sia l'assoluzionismo generalizzato che predica.

Semplicemente vuole ricordare a tutti che, su questo piano, la casta è perfettamente unita e che anche il governo precedente ci aveva provato. Questo c'è riuscito.

Non è vero, Quirino, che i due DdL sono equivalenti perché quello mastelliano non poneva sotto controllo la magistratura. Quest'ultima, che è la cosa più grave, è pura farina del mulino di BS.