Titolo

La Cina ci è vicina. Secondo la FIOM è a Pomigliano d'Arco

2 commenti (espandi tutti)

per ampliare la discussione e per completezza di informazione, aggiungo anche il riferimento alle note FIOM:

<http://www.fiom.cgil.it/stampa/2010/c_10_06_11.htm>

Avevo già letto quel documento della FIOM, e non volevo farci riferimento, tanto è falso e tendenzioso, valga per tutti l'ultimo capoverso:

facoltà di non applicare le norme del Contratto nazionale che prevedono il pagamento della malattia a carico dell’impresa.

Laddove la FIAT non parla mai di questo, ma semplicemente di non pagare l'indennità di malattia per un giorno, laddove i certificati medici non siano in contemporaneità con periodi di malattie stagionali, ma invece in contemporaneità di eventi "sociali" , come ad esempio lo sciopero nazionale. Se poi 471 certificati medici il giorno dello sciopero, su 1514 lavoratori è una cosa normale ...

Quella della FIOM è una bugia bella e buona, come anche il resto del documento, e con le bugie non si va da nessuna parte!