Titolo

La Cina ci è vicina. Secondo la FIOM è a Pomigliano d'Arco

1 commento (espandi tutti)

Nessuno, proprio per questo esistono delle (altre) regole e delle procedure per indagare, giudicare, sanzionare, come tu stesso scrivi in un altro messaggio. Pensavo che questa fosse l'essenza dei rapporti civili e giuridici.

Non voglio negare che quanto dici sia corretto, ma questa è una situazione di evidente anomalia e le regole esistenti non sono state sufficienti ad evitarla e, soprattutto, è ovvio che la FIOM-CGIL non trovi niente da ridire nella situazione tanto da non proporre nessuna soluzione, quindi? 

Non dico che la proposta Fiat sia corretta, ma quale alternativa viene proposta? Applicare le procedure esistenti ? Ma, se finora non hanno funzionato! Fra di noi possiamo anche ignorare la situazione reale e credere di vivere in un mondo perfetto dove il medico fiscale fa il suo lavoro senza prendere mazzette o ricevere minacce, dove il giudice giudica senza pregiudizi ed in tempi brevi, ma la realtà è un'altra.

La realtà è che la Fiat potrebbe produrre altrove, ha scelto Pomigliano per gli aiuti politici ora questi non bastano più e chiede che vi siano dei cambiamenti altrimenti lo stabilimento non è produttivo. E' sbagliato? Magari sì ma: quali alternative hanno i lavoratori di Pomigliano? Quali alternative ha invece la FIAT?