Titolo

La Cina ci è vicina. Secondo la FIOM è a Pomigliano d'Arco

2 commenti (espandi tutti)

mi sorge un dubbio, e forse sono paranoico (ma Ronald Laing ed Henry Kissinger erano d'accordo che "anche i paranoici hanno nemici reali"), ma non è che la Fiat abbia proposto proprio un piano irricevibile a prescindere, per fare un piacere al governo e guadagnarsi delle benemerenze isolando CGIL e FIOM? Cioè, e se la FIOM avesse (periodo molto ipotetico) ragione e la proposta di accordo avesse profili di incostituzionalità, la Fiat va a rischiare 800 testoni per vedersi il piano industriale colpito e affondato da una sentenza? A me mi sa tanto di piano B (e lato B...), dove il piano A è che hanno già deciso di andare in Serbia o in Polonia e per evitare il contraccolpo politico e lo vogliono bilanciare facendo un favore politico al governo.

In quanto alla mobilità sostenibile e alla qualità del management Fiat, vorrei suggerire questa geniale botta di spirito imprenditoriale, pari alla chiusura della divisione computer della Olivetti, quella di ELEA  e di Mario Tchou

La Matiz è il risultato finale del progetto Italdesign Lucciola[1], sviluppato nel 1992 dagli studi della Italdesign di Giorgetto Giugiaro e presentato al Salone dell'automobile di Ginevra nel 1993. La Lucciola venne proposta al Gruppo Fiat come una ipotetica erede della Cinquecento, dotata di una motorizzazione ibridarealizzata abbinando due motori elettrici da 7 kw ciascuno ad un propulsore diesel due cilindri da 0,49 litri capace di 8 cavalli di potenza massima, carrozzeria tre porte e una grande versatilità di carico. La carrozzeria era realizzata con materiali riciclabili. A causa delle soluzioni fin troppo costose per l'epoca il progetto venne bocciato dalla Fiat e venne ceduto a Who Woo Choonga, all'epoca presidente della Daewoo, il quale era intenzionato a produrre un piccola city car con carrozzeria monovolume e cinque porte.

cioè, nel '93 la Fiat ha buttato a mare la possibilità di essere all'avanguardia nell'ibrido, mentre intanto continuava a produrre la mitica 126 (che se andavi troppo forte si formavano le bolle di vapore nel tubo d'alimentazione, been there, done that... e poi parlano male della Trabant)

Lo so, sono fazioso e veteromarxista, però ci vedo un pò troppo livore contro gli operai in genere. Che poi quegli episodi di malcostume che si citano vadano repressi...d'accordo. 

 

 

 

 

forse l'affaire COMMON RAIL brevettato da FIAT ( centro ricerca Elasis di Bari ) e il cui brevetto è stato ceduto a BOSCH ( 1994 ) è ancora più emblematico della lungimiranza