Titolo

La Cina ci è vicina. Secondo la FIOM è a Pomigliano d'Arco

1 commento (espandi tutti)

 @ Eugenio

E questo credo sia ben chiaro a Cgil e Fiom, che giustamente su turnazioni e organizzazione del lavoro hanno un atteggiamento realista e li accettano, ma sulla questione dell'articolo 13, che e' simbolica si sono impuntati.

Quando si verificano abusi, ed a Pomigliano ne sono accaduti e ne accadono, le violazioni devono e possono essere scoperte e sanzionate anche dal sindacato e non solo dall'azienda. Se di cointratto si parla e ci sono due contraenti, la funzionalità dell'accordo passa attraverso comportamenti attivi da parte di entrambi. A Pomigliano da questo punto di vista, la storia brilla per la mancanza di ogni precedente al riguardo anche quando in fabbrica accadeva di tutto e di più. L'azienda ha il dovere di salvaguardarsi anche in considerazione del delicato equilibrio organizzativo che la nuova tipologia di impianti richiede.