Titolo

La Cina ci è vicina. Secondo la FIOM è a Pomigliano d'Arco

5 commenti (espandi tutti)

Tra pedofilia, politicizzazione della curia, mercimoni con chiunque pur di salvaguardare i 10 denari e sodalizi con cricche più meno gelatinose, si può davvero dire che ormai la Città del Vaticano sia un sifone intasato che riversa liquami sul Tevere.

Tra i dettagli di questa sentina traboccante che continua a proporsi come guida morale una speciale MINZIONE va al Cardinale di Napoli Sepe che a buon diritto potrebbe figurare fra le prossime emergenze della città partenopea dopo quella risorgente dell'immondezza. Il cardinale Sepe dispone del passaporto vaticano e se la procura di Firenze vorrà sentirlo si dovrà procedere ad una rogatoria internazionale. Se questi miserabili personaggi dovessero davvero farsi scudo della doppia cittadinanza sapremo ancora una volta che avere la cittadinanza vaticana è un modo molto efficiente per garantirsi impunità e arroganza all'ombra di quella croce sulla quale certa gente andrebbe appesa. Nihil sub sole novi..

Però il prelato è su facebook.... e del resto con questa faccia, ci doveva andare di diritto.

Vabbè, male che vada potranno sempre farlo ministro, del resto lui è già ministro di Dio...

A proposito. Sepe è capo di Propaganda Fide, che cura l'amministrazione dei denari per le missioni...."con la firma all'Otto per Mille alla Chiesa Cattolica avete fatto molto per  Sepe".

Io se fossi in San Gennaro mi rifiuterei di sciogliermi nelle mani di quello lì.

Il tipo è pretenzioso, ma del resto uno che moltiplica immobili può aspirare a tanto (e ho paura che riuscirà anche a camminare sopra le accuse):

<em>Sepe: "Dopo calvario c'è resurrezione"

<em>

Ma se la redazione di Panorama vuole pubblicare filmini osé o foto conturbanti di lascive signorine, in ossequio alla linea editoriale del capo, non può fare come l'Espresso che alcuni anni fa allegava al giornale i "Classici Proibiti" del cinema con il nobile compito di ridare lustro a capolavori censurati dal potere? 

Ma poi non ho capito: in un club privato uno non si può spogliare e simulare atti sessuali? Certo se il tutto fosse avvenuto nel lettone di Putin non ne avrebbero fatto una questione di stato...

Bello bello questo puritanesimo wahhabita: è tutto un fumare di macerie politico-istituzionali di deputati puttanieri, cocainomani; di cricche gelatinose e porporati in odore di corruzione epperò arrestano una che si guadagna il pane senza fare finta di essere suora, ministra o onorevole. Mah...