Titolo

La Cina ci è vicina. Secondo la FIOM è a Pomigliano d'Arco

1 commento (espandi tutti)

 Inoltre il fatto di sviluppare prodotti di maggior design/tecnologia non ci mette al riparo da un futuro spostamento della produzione all'estero, basta guardare il settore dell'abbigliamento o degli organi meccanici di trasmissione

Ferrari a parte,  il mercato dell'auto è quello che dimostra come dalla bassa tecnologia e del modesto livello tecnico, dall'imitazione nel design si possa passare ad essere leader nel mercato. Lo hanno fatto i giapponesi prima, i coreani ancora oggi. Lo faranno anche i cinesi che ai loro ritmi impiegheranno meno tempo che gli altri asiatici. Tenere il mercato sarà un affare serio per tutti e per FIAT, soprattutto se non viene seguita la cura Marchionne per gli impianti e se non si scala la montagna della qualità, tecnologia ed innovazione e del branding.