Titolo

La Cina ci è vicina. Secondo la FIOM è a Pomigliano d'Arco

1 commento (espandi tutti)

Ma davvero abbiamo bisogno della nuova panda? dico, la panda? a me sembra un incubo... il nuovo apple, il nuovo google non sarebbe meglio??

Fino a quando l'auto, comunque declinata avrà un futuro, qualcuno dovrà produrla. Ma l'insistenza su Pomigliano credo abbia molte motivazioni una delle quali è che essendo molto un prodotto da mercato Italiano, la Panda prodotta a Pomigliano con produttività e costi almeno prossimi a quelli polacchi produrrebbero un vantaggio economico. Un secondo motivo è che eliminando Termini Imerese, spostare la nuova Lancia Y in Polonia, vuol dire conseguire un risultato di miglior qualità di prodotto (molto alta negli impianti polacchi) e risduzione nei costi per un prodotto che nel suo segmento è di gamma alta. Quindi maggior profitto. Non escludo poi una certa valenza politica: fare la battaglia per Pomigliano per FIAT implica la potenzialità di riportare a realtà le relazioni industriali la cui controparte sinacale  si è dimenticata che il mondo corre. E comunque se ne frega. L'americanità di Marchionne ed il suo punto di osservazione con il panorama dei calcoili economici connessi agli impianti sparsi nel mondo gli fa apparire folle quanto accade in Italia e pregiudiziavole per gli interessi di FIAT e degli azionisti. A piena ragione.

In ultimo. Che sia meglio o peggio avere google o apple in Italia non dipende da Marchionne che fa il suo mestiere. A meno di non volere lo stato che si inventa investimenti per rifare google o apple, bisogna chiedersi dovce stanno gli imprenditori e come mai non investoo in settori innovativi. Ma il problema non se lo deve porre certo Marchionne.