Titolo

L'economia politica de "gli economisti"

2 commenti (espandi tutti)

intendo dire, che con la fragilità della crescita italiana degli ultimi anni, "botte" come cirio e parmalat avrebbero (credo io) portato discredito all'interso sistema e con la lira libera di fluttuare probabilemte ci sarebbero stati guai grossi.

quel "nulla" era riferito al fatto che non condivido quasi per nulla quella citazione : la difesa del salario la fai si con una moneta stabile, ma anche con misure e politiche che dipendono dal governo centrale (liberalizzando i servizi, facendo in modo che l'isvap trovi il sistema di far scendere i prezzi delle assicurazioni, facendo entrare in italia banche che abbiano meno costi per il cliente, come ve ne sono in olanda o altrove), e se 1000 euro di ora non son 1000 euro del 2003 lo si deve sopratutto al governo centrale (posto che all'epoca l'euro credo fosse ancora sottoil dollaro a 0,90 centesimi).

quindi, secondo me, dire che la difesa del salario la fai solo con l'euro, non è corretto

Sarebbe piacevole se, prima di criticare e polemizzare, prendessimo tutti la buona abitudine di leggere cosa gli altri hanno scritto. Evitando, così, di mettere in bocca alle persone cose che non hanno né mai detto o pensato, tipo

dire che la difesa del salario la fai solo con l'euro, non è corretto

Nella citazione che non condividi per nulla (parole tue) sta scritto (neretto aggiunto):

[l'euro] ... ha in realtà difeso il potere d’acquisto delle famiglie costringendo le classi dirigenti medesime a confrontarsi con i due problemi, strettamente correlati, di un eccesso di spesa pubblica da un lato e di una mancanza di crescita della produttività dall’altro.

Sul fatto che tu ritenga che Cirio e Parmalat possono provocare guai grossi al cambio di una moneta di un paese di 60 milioni di persone e PIL di 1.5 trillioni sorvolo, ma comunque non contraddice la nostra affermazione.

Ciò che, finalmente, mi lascia basito è che tu non riesca a capire la rilevanza di contenere l'inflazione al 2-3% e di eliminare il rischio svalutazione dai tassi d'interesse sul debito pubblico! Altro che Cirio e Parmalat: 100 C&P all'anno per dieci anni! Mah ...