Titolo

L'economia politica de "gli economisti"

2 commenti (espandi tutti)

In questo modo portano innanzitutto discredito alla scienza economica. Se sette valorosi economisti ritengono “balle” le opinioni di cento professori e/o ricercatori di economia, vuol dire che della scienza economica non ci si può fidare

Non vedo il punto. Che i sette valorosi abbiano torto oppure ragione perché dovrebbe derivarne discredito per l'economia? Se i sette hanno torto, sono dei mentecatti con manie di grandezza (ci vuol poco a farsi un'idea). Se i valorosi hanno ragione vuol dire che l'università italiana è piena di parrucconi autoreferenti, scollegati dalla realtà che hanno pure la faccia tosta di fare pubblici appelli e che la corte dei mangia-morte giornalistici non possiede quel buonsenso minimo (non dico conoscenze economiche) per accorgersene

Certamente non potremmo immaginare cento professori o ricercatori di fisica, matematica, chimica, o anche biologia che sottoscrivono “balle” negli ambiti di loro competenza.

Ok qui è la solita differenza tra scienze naturali e scienze sociali (che della scienza hanno solo il metodo). Proviamo a modificare la prospettiva:

Potremmo immaginare 100 professori o ricercatori di filosofia, letteratura, storia, sociologia,teologia. religione che sottoscrivono balle nei loro ambiti di competenza? Io direi proprio di sì.

Per essere proprio cattivi con l'italica accademia, la mia opinione che di fisici e chimici pronti a sottoscrivere balle ce ne siano eccome, solo che le loro balle hanno minore impatto mediatico o politico e risultano incomprensibili e non interessanti ai più. Chi se le sorbisce sono i poveri allievi costretti a studiare cose che non hanno riscontro nella realtà  solo perchè il barone di turno non si abbassa ad accorgersi che il mondo continua a girare.

Il barone di turno sta a Ginevra, al CERN, alle prese con un esperimento che è troppo costoso per fallire. Agli studenti le lezioni sono impartite da un attempato ricercatore universitario. Ogni scienza ha i suoi problemi. Io parlavo della immagine, non della sostanza, della scienza economica.